Borneo malese: clima e attrazioni tra spiagge e natura incontaminata

[galleria id=”7269″]

Il Borneo malese è una parte del Borneo: qual è il clima adatto a partire per un viaggio su quest’isola sterminata? Occorre innanzitutto una precisazione: il Borneo è talmente grande (è la terza isola più grande del mondo) da far parte non di uno, ma di ben tre stati, ossia la già citata Malesia, l’ Indonesia e il Brunei. Proprio per la sua vastità, le precipitazioni non colpiscono l’isola in modo uniforme: sulla costa occidentale la stagione delle piogge va da giugno a dicembre, mentre i mesi più asciutti sono quelli tra gennaio e maggio; sulla costa orientale invece, le precipitazioni sono abbondanti da novembre a marzo, e i mesi asciutti vanno da aprile ad ottobre. Detto ciò, tenete comunque presente che il Borneo è a cavallo dell’equatore ed è ricoperto in gran parte dalla foresta tropicale, quindi qui il clima è caldo e umido tutto l’anno, e piove anche durante la stagione secca.

Una volta che avrete deciso quando partire per il Borneo, vi sarà utile sapere cosa c’è da vedere e da visitare sull’isola, in modo da scegliere il tour a voi più congeniale: innanzitutto, per chi intraprende un viaggio nel Borneo una meta molto comune è lo stato di Sabah, in cui si arriva atterrando vicino alla capitale Kota Kinabalu, che merita grazie alle numerose possibilità di fare shopping e al fatto che è un punto di partenza interessante per le escursioni nel Tunku Abdul Rahman Park, che comprende cinque splendide isole con natura incontaminata e acque cristalline in cui fare snorkeling per vedere una magnifica barriera corallina. Tra le meraviglie naturali dell’isola, qui vicino troviamo anche il Kinabalu National Park, in cui visitare, tra le altre cose, l’imponente vetta del Monte Kinabalu, che si innalza fino ad arrivare ai 4.100 metri di altitudine. A nord della capitale si trovano invece le spiagge più belle dello stato di Sabah, comprese tra l’estremità della penisola di Karambunai e la città di Tuaran: in questo tratto lungo all’incirca 20 chilometri potrete rilassarvi su incantevoli spiagge da sogno dalla sabbia fine, che si affacciano su acque turchesi incorniciate da una rigogliosa e verdeggiante natura. Sempre a nord di Kota Kinabalu vale assolutamente una visita la riserva di Sepilok, dove si possono provare forti emozioni osservando gli orango tanghi che vivono protetti nel loro habitat naturale.

Se il Borneo vi affascina, durante un tour dell’Indonesia insulare non potete farvi mancare una visita nella splendida Bali, dove le paradisiache spiagge bianche si uniscono alla natura selvaggia e ai templi indù. Ma tornando al Borneo, nella regione di Sabah è imperdibile anche una gita in barca sul fiume Kinabatangan, un corso d’acqua incontaminato in cui inoltre si possono praticare il kayak e il birdwatching, avvistando specie di uccelli molto rare e variopinte; percorrendo il fiume si entra nel cuore della foresta tropicale, e se si è fortunati si possono avvistare anche diversi animali, tra cui le scimmie che saltano da un ramo all’altro. Nel Borneo vale sicuramente un soggiorno anche l’isola di Maratua, famosa soprattutto per il mare e le sue bellezze, che si possono osservare più da vicino con le immersioni e lo snorkeling; dall’isola si possono effettuare anche emozionanti escursioni, per esempio sull’isola di Sangalaki, dove si può nuotare a stretto contatto con le mante e altri meravigliosi pesci, e sull’isola di Kakaban, che ospita un lago salato in cui vivono quattro specie di meduse non urticanti, e per questo anche qui c’è la possibilità di fare snorkeling.