Le chiese più belle del mondo: la Cappella Palatina, l’unica italiana

da , il

    Le chiese più belle del mondo: la Cappella Palatina, l’unica italiana

    Il Daily Telegraph ha stilato la classifica delle chiese più belle del mondo e tra queste compare soltanto un’italiana: la Cappella Palatina. Custodita tra le meraviglie architettoniche di Palermo, è un gioiello arabo-normanno, impreziosito da mosaici d’oro. Non è nemmeno l’unico premio che si è conquistato il capoluogo siciliano, solo qualche mese fa infatti, era stato The Guardian a pubblicare un intero servizio dedicato a Palermo, una città unica in Europa, in cui il cibo arabo, le strade spagnole e le torri normanne si mescolano sapientemente, creando un risultato straordinario. Ma quali sono le altre chiese premiate per la loro maestosità? Scopriamole insieme.

    Iniziamo il nostro excursus delle chiese più belle del mondo dalla nostra perla rara: la cappella reale, riconosciuta Patrimonio dell’Unesco, conquista la quattordicesima posizione in classifica, precedendo di uno solo posto la meravigliosa Saint-Chapelle di Parigi. Fu fatta costruire nel 1130 per volontà del re Ruggero II di Sicilia, tuttavia i lavori terminarono dopo circa dieci anni, nel 1143. Progettata per essere una chiesa privata della famiglia reale, oggi è uno dei monumenti simbolo della città di Palermo: al suo interno sono custoditi alcuni dei più importanti mosaici bizantini della Sicilia.

    Ma chi ha conquistato la vetta della classifica? La prima chiesa segnalata è il santuario di Las Lajas nel comune di Ipiales, nel sud della Colombia. Luogo di culto dedicato alla Vergine del Rosario, è portatrice sana di un antica leggenda secondo la quale l’immagine della Vergine fu scoperta nel 1754 da un’indigena chiamata María Mueces e dalla sua bambina sordomuta che in quello stesso momento riacquistò la parola.

    Al secondo posto troviamo una spettacolare chiesa in legno, situata a Borgund, nel comune di Lærdal, in Norvegia: costruita probabilmente alla fine del XII secolo, è attualmente una delle meglio conservate delle 28 stavkirke rimanenti in Norvegia. Sulle sue mura si possono ammirare diverse scritture in runico.

    Al terzo posto si piazza la chiesa di Betlemme, un piccolo gioiello nel quartiere armeno della Jolfa a Isfahan, in Iran.

    Immediatamente sotto il podio, troviamo la candida Cappella di Notre-Dam du Haut in Francia, realizzata dall’architetto Le Corbusier. Notre-Dame du Haut è considerata uno degli esempi più noti di moderna architettura religiosa.

    E’ seguita dalla chiesa fortificata di Virsci in Romania: inizialmente fu cattolica, poi divenne luterana in seguito alla Riforma. E’ stata inserita tra i Patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

    Al sesto posto si piazza la Chiesa della Trinità di Gergeti, appollaiata su un’altura a 2170 metri, in Georgia. Proprio per la sua posizione particolarmente isolata è divenuta uno dei simboli del Paese. Durante il periodo sovietico la chiesa fu chiusa al culto, tuttavia rimase una metà turistica particolarmente apprezzata.

    Al settimo posto, troviamo la Cappella del King’s College in Gran Bretagna, uno dei migliori esempi di architettura tardo gotica. Importante sito turistico, attualmente non è utilizzata solo come luogo di culto, ma anche come location per concerti ed eventi universitari.

    All’ottavo posto, si colloca l’austera Bet Giorgis, a Lalibela, in Etiopia: si tratta di una chiesa monolitica ipogea a forma di croce, scavata nella roccia. E’ stata inserita nel Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

    Al nono posto si piazza la fantastica Cappella di San Bartolomeo, un santuario che si trova sulla penisola del Königssee, sul lago della Baviera, in Germania. Costruita in stile barocco, tra il 1697 e il 1698, è raggiungibile solo in barca o tramite un lungo percorso a piedi. Ogni anno sono migliaia i pellegrini che si recano nella Cappella di San Bartolomeo.

    Al decimo posto, troviamo un edificio di culto luterano di Reykjavík: con i suoi 74,5 metri d’altezza, Hallgrímskirkja è la quarta struttura architettonica più alta d’Islanda. Per costruirla ci sono voluti ben 38 anni: dedicata al poeta e pastore islandese Hallgrímur Pétursson, è considerata il capolavoro assoluto dello ‘stile nazionale basaltico’.

    A seguire, dopo la top ten, troviamo:

    11. Chiesa di Maria Maddalena, Gerusalemme

    12. Sagrada Familia, Barcellona

    13. Chiesa della Trasfigurazione, Russia

    14. Cappella Palatina, Palermo

    15. Sainte-Chapelle, Parigi

    16. Chiesa Priorale di San Bartolomeo il Grande, Londra

    17. Felsenkirche, Germania

    18. Chiesa di San Demetrio Sopra il Sangue, Russia

    19. Monastero di Santo Stefano, Iran

    20. Basilica della Natività, Betlemme

    21. Chiesa di Mattia, Budapest

    22. Thorncrown Chapel, USA

    23. Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato, San Pietroburgo

    Tra i grandi assenti, la maestosa Cappella Sistina e l’universale chiesa di San Pietro.