Istanbul, Essen e Pècs capitali europee della cultura 2010

da , il

    Istanbul in Turchia, Essen in Germania, e Pècs, in Ungheria, saranno le capitali europee della cultura per tutto il 2010. Ma cosa vuol dire in concreto? A partire dal 1985, l’Unione Europea designa, ogni anno, delle città come capitali della cultura. Lo scopo è dare loro una maggiore visibilità internazionale, fare in modo che la cultura di quei paesi venga esportata e conosciuta nel resto d’Europa e nel mondo.

    Inizialmente potevano essere scelte come capitali europee della cultura solo città facenti parte dell’UE, ma a partire dal 1999 si decise di dare questa possibilità anche a città appartenenti a paesi non membri, come appunto la Turchia.

    L’iniziativa serve a promuovere l’immagine della città nel mondo e porta a benefici economici non indifferenti essendo una leva d’eccellenza per il turismo.

    In occasione dell’evento le città designate arricchiscono il loro calendario di eventi culturali, celebrazioni, spettacoli.

    Ad Istanbul numerosi gli appuntamenti, come l’Hulda festival, un viaggio tra arte e scienza che si terrà dal 19 settembre al 21 novembre, a bordo della Hulda, la nave divenuta casa e bottega del celebre artista turco-svedese Ilhan Koman. Il Museo Topkapi, il celebre palazzo che fu residenza dei sultani durante l’impero ottomano, ospiterà fino al 31 marzo un’interessante mostra di opere e manufatti del XVI e XVII secolo, provenienti dal tesoro del Cremlino e testimonianti i continui rapporti tra l’Impero Ottomano e gli Zar.

    Ad Essen molte esposizioni in programma sono legate alla mitologia di cui è particolarmente intrisa la regione della Ruhr, della quale fa parte Essen, che con oltre 5 milioni di abitanti è una delle più grandi aree urbane europee.

    Numerosi appuntamenti: dibattiti, mostre fotografiche, riguarderanno la nuova idea di metropoli allargata. Idea che vede nella Ruhr un primo esempio concreto.

    Infine a Pècs, una delle città più antiche dell’Ungheria, fino al 28 febbraio sarà possibile visitare la mostra: Christian Art, una collezione di quadri, sculture, oggetti di chiesa della Visual Arts Gallery of Sliven.

    E dal 15 marzo al 12 aprile da non perdere il Pècs Spring Festival, una celebrazione d’arte classica e contemporanea. Dalla musica classica, jazz e popolare alla danza passando per il teatro e la letteratura. Un programma variegato e di altissima qualità.