Vacanza in un faro: dormire in maniera un po’ insolita

da , il

    Vacanza in un faro: dormire in maniera un po’ insolita

    Sognate da tempo una vacanza in un luogo memorabile, senza caos, completamente immersi nella natura e con vista solo mare? Certamente l’idea vi attrae , ma i costi vi spaventano. Qualche pazzia, ogni tanto, rende la vita più divertente, ma dormire in un faro oppure in un ex arsenale militare non sempre è più costoso di una camera in un resort. Soprattutto se si cercano le offerte giuste. Ecco qualche consiglio, dalla Sardegna alla Sicilia, a prezzi (quasi) low-cost, con qualche eccezione.

    Nella Sardegna segreta dove il fortissimo profumo di mirto e ginepro nasconde tracce di antiche civiltà, il luogo perfetto per una vacanza isolata è il Faro di Capospartivento. Dopo 35 anni di disuso, il faro più antico dell’isola, inaugurato nel 1856 ma sempre funzionante, è diventato una guest house raffinata. La ristrutturazione ha rivalorizzato i soffitti a volta, e gli ospiti delle sei suites hanno a disposizione una piscina a picco sugli scogli, terrazze con panorami mozzafiato e un giardino mediterraneo. Ci si arriva con un’ora d’aereo da Roma o Milano e poi ancora un’ora d’auto da Cagliari, lungo una strada quasi tutta costiera.

    Un altro luogo suggestivo, anche se non comodo da raggiungere, ma bello da vivere, l’Hotel Le Dune, ex deposito minerario sulla spiaggia di Ingurtosu, sempre in Sardegna. Raggiungibile solo con 7 Km di strada sterrata, l’hotel è ricavato dai magazzini delle vicine miniere, inutilizzate dagli anni 80. Si vive come fuori dal mondo, ma in un ambiente confortevole, con una vista stupenda sulle dune e all’orizzonte solo il mare. Mobili di antiquariato, pavimenti in cotto e ristorante direttamente sulla sabbia. Sempre sull’isola, ma al nord, è possibile dormire nell’ex arsenale della marina militare di La Maddalena, con il suo mare meraviglioso e una vista mozzafiato.Parliamo de La Maddalena & Yacht Club, il primo hotel di lusso dell’isola, arredato dai designer tra più famosi al mondo. Le camere ricavate dall’Officina dei motoristi dell’arsenale militare sono ben mascherate nell’ambiente, come si conviene ad un fabbricato militare, hanno una piscina esterna, una Spa minimalista, bar e ristoranti sulla piazza del porto, dove spicca il cubo di vetro del centro congressi sospeso sul mare disegnato da Stefano Boeri.

    A meno di 1 ora da Roma, La Posta Vecchia di Palo Laziale, ex villa del magnate e collezionista d’arte Jean Paul Getty, è un luogo intriso di storia in ogni pietra dove si può alloggiare per le vacanze. Fu costruita nel 1640 dagli Orsini, Getty la trasformò in sua residenza al mare. Durante i lavori di restauro emersero i resti di una villa romana del II sec. a. C, e ora le antiche mura, i mosaici e i reperti sono un vero Museo a cielo aperto dove a richiesta si può avere il privilegio di una cena a lume di candela. Le 19 camere sono arredate con mobili, arazzi, dipinti e statue preziose e sono immerse in un parco di 6 ettari. Si può fare il bagno nelle acque sorprendentemente limpide del mare di questa poco stimata costa laziale. La meraviglia continua nel ristorante stellato, nel bel salone o all’aria inebriante della terrazza, con il menu che ha il sapore delle stagioni: le verdure, infatti, arrivano dall’orto nascosto in un angolo del parco. All’interno si trova un beauty center, spiaggia e piscina coperta, usufruibili anche dagli ospiti esterni.