Tornado in Alabama, 300 vittime per il maltempo

da , il

    Tornado in Alabama, 300 vittime per il maltempo

    Un tornado in Alabama ha causato 300 vittime per il maltempo: è stato dichiarato lo stato d’emergenza anche negli stati vicini, per la precisione in Arkansas, Mississipi, Kentucky, Missouri, Tennessee e Oklahoma.

    In un periodo in cui le calamità naturali sono spesso al centro delle cronache, purtroppo con il conteggio delle vittime che sale di ora in ora, anche l’occidente deve fare i conti con madre natura: oggi il presidente Barak Obama sarà in visita in Alabama per vedere di persona i danni del tornado che da giorni sta devastando gli Usa.

    Il tragico bilancio dei morti finora annovera circa 300 vittime, di cui 204 solo in Alabama, lo stato più colpito dal maltempo: si tratta del peggior disastro degli ultimi 40 anni, dopo che oltre 300 tornado si sono abbattuti nella zona centro-meridionale del Paese.

    Purtroppo il numero delle vittime sembra destinato ad aumentare man mano che passa il tempo: al momento, si registrano anche 13 morti in Georgia e 8 in Virginia, ma il servizio meteorologico nazionale ha lanciato un’allerta per tornado anche dalla Louisiana a New York. Tuscaloosa è la zona dell’Alabama che è stata più colpita dal maltempo: si tratta di una città di 83mila abitanti circa dove ha sede anche l’università di stato.

    Se lo tsunami più grande del mondo è stato in Alaska, non possiamo dimenticare che gli Usa sono una terra a forte rischio di tornadi: basta ricordare l’uragano Katrina, che distrusse New Orleans nel 2005. Il maltempo purtroppo è destinato a non dare tregua: secondo i meteorologi, nuove tempeste sono in arrivo nei prossimi giorni.