Prostituzione ai Mondiali in Sudafrica: un vero flop

da , il

    Prostituzione ai Mondiali in Sudafrica: un vero flop

    Nel calendario dei Mondiali di Calcio 2010 non poteva mancare uno spazio dedicato alle fantasie più hard. Ma la prostituzione ai Mondiali è un flop. Come mai?

    In Svizzera le prostitute sono low cost e in un panorama in cui la crisi sembra far risparmiare proprio su tutto, anche il sex business non veleggia in buone acque. Nemmeno ai Mondiali.

    Certi di un boom del sesso in occasione dei Mondiali di Calcio, in Sudafrica era arrivato un immane esercito votato all’amore: da ogni parte del Paese prostitute ansiose di fare affari.

    Tantissimi i condom distribuiti gratuitamente: milioni di preservativi sponsorizzati dalle autorità preposte al turismo del Paese per tutelare e porre l’attenzione sull’annoso problema delle malattie sessualmente trasmissibili.

    Tuttavia i condom giacciono pressoché inutilizzati: la prostituzione ai Mondiali è risultata un vero flop.

    Risultati deludenti motivati dal fatto che, secondo la stampa locale, la polizia starebbe alle calcagna delle lavoratrici, senza contare l’intenso freddo e i prezzi altissimi.

    Sembra infatti che le tariffe non accennino ad alcuno sconto, nemmeno in virtù della crisi. Così gli ometti rimangono armati di vuvuzuela e bandierine.

    Ma del resto si sa, l’uomo di fronte al calcio..