Miami e Sout Beach: cosa vedere tra spiagge bianche e edifici Art Déco

da , il

    Tra Miami e South Beach, cosa vedere e cosa fare per vivere una vacanza indimenticabile all’insegna di sole, mare e tanto divertimento: South Beach è proprio il centro nevralgico della città più famosa della Florida, grazie alla sua chilometrica e paradisiaca spiaggia che porta fino a Sunny Isles, e grazie ai numerosissimi locali, pub, discoteche e ristoranti che affollano la zona. La spiaggia di sabbia bianca di South Beach è il simbolo stesso di Miami, dove si può prendere il sole, fare il bagno, fare surf o giocare a beach volley e poi fare una passeggiata parallela alla spiaggia per immergersi nell’atmosfera cosmopolita che regna nella città. Da qui al divertimento nei locali, che non si ferma mai, il passo è breve: potete fare una passeggiata sulla famosa Ocean Drive o fare shopping in Lincoln Road, e poi scatenarvi in qualche locale fino all’alba.

    Ma South Beach è anche molto famosa per essere una zona residenziale di lusso e per i suoi bellissimi edifici Art Déco realizzati tra gli anni venti e trenta del secolo scorso, che si affacciano sulla Ocean Drive, su Lincoln Road e su Washington Avenue ed oggi sono per la maggior parte alberghi: la versione di Miami dell’Art Déco è molto colorata e vivace, con decorazioni che raffigurano raggi di sole, navi e fenicotteri, ed è chiamata Tropical Déco. Parlando di alberghi, mentre visitate South Beach non potete perdervi lo storico Marlin Hotel, al 1200 di Collins Avenue, un’altra via principale del quartiere: in perfetto stile Art Déco, è la residenza preferita da moltissime star che si recano a Miami; dopo averlo ammirato, potete prendere un cocktail gigante al Carlyle, un famoso locale in stile Art Déco, per restare in tema. Dopo aver visitato in lungo e in largo South Beach, c’è ancora molto da scoprire: per esempio, potete fare un giro nel lussuoso quartiere residenziale di Coral Gables, uno dei più ricchi di tutti gli Stati Uniti; qui potrete ammirare splendide ville risalenti agli anni venti e trenta e il bellissimo Biltmore Hotel, e poi fare un salto sulla Miracle Mile, una strada lunga un miglio piena di caratteristici negozietti.

    Un’altra meta interessante è Coconut Grove, l’area in cui si insediò la prima comunità di Miami composta dai cercatori di tesori, e che oggi è un’alternanza di zone lussuose a quartieri degradati; negli anni sessanta divenne ritrovo ufficiale di hippy, ma oggi a parte qualche negozietto new age assume un aspetto nella norma in confronto ai vecchi tempi. Non perdetevi lo shopping nel centro commerciale CocoWalk, tra Grand Avenue e la Main Highway, dove potrete riposarvi in qualche caffè ascoltando musica dal vivo, andare al cinema o in discoteca. Nella località di Little Havana invece si respira un’aria latina, essendo il cuore della comunità cubana di Miami, e vale la pena di trascorrere una serata in uno dei migliori ristoranti della città per poi scatenarsi a ritmo di salsa. Noleggiando un’auto da Miami, una delle escursioni più emozionanti è quella verso le Isole Keys, un arcipelago al largo della Florida che è un vero e proprio paradiso tropicale, e si raggiunge in un emozionante viaggio on the road attraversando la Overseas Highway e il Seven Mile Bridge.