Grecia, altro che Santorini o Mykonos: queste sono le 5 isole più belle | Qui costa tutto poco

Un viaggio nel Mediterraneo alla scoperta delle isole greche è un’esperienza meravigliosa. Eppure, oltre alle più rinomate Santorini e Mykonos, bellissime e amate dai turisti di tutto il mondo, ci sono delle isole della Grecia meno conosciute ma bellissime e più economiche.

Isole economiche in Grecia
Grecia – viaggi.nanopress.it

Un viaggio in Grecia vi rimarrà per sempre nel cuore! Le sue isole, il mare, le spiagge; le persone, i colori, i tramonti. Tutto è indimenticabile quando accade in Grecia.

E se è vero che tra le isole più rinomate per la loro bellezza mozzafiato ci sono Mykonos e Santorini, è anche vero che esistono altre isole greche molto meno famose ma altrettanto belle e più economiche.

Se non vi interessano le mete turistiche più scelte ogni anno, allora questo è l’articolo che fa per voi: oggi vi presentiamo le cinque isole della Grecia che probabilmente non conoscete ma dove potrete trascorrere una vacanza favolosa spendendo pochissimo.

Le cinque isole della Grecia più belle ed economiche

Bello ed economico: il binomio perfetto. E la Grecia ne sa qualcosa. Scopriamo insieme quali sono le cinque isole greche più belle e più economiche.

Naxos

NaxosIsola di Nasso è l’isola più grande delle Cicladi oltre che tra le più belle. È un’isola che offre tantissimo ai suoi ospiti, perfetta sia per una vacanza all’insegna del relax, sia per chi è alla ricerca di divertimento. Le sue spiagge di sabbia bianchissima sono splendide, l’acqua è cristallina: una vacanza qui è un’esperienza da sogno.

Naxos
Naxos – viaggi.nanopress.it

Siete amanti del trekking? Anche in questo caso, Naxos sarà all’altezza delle vostre aspettative grazie alla vasta offerta di itinerari (sono tantissimi!). L’isola gode anche di una posizione strategica, utile per visitare facilmente le altre più rinomate: Paros, Mykonos e Santorini sono vicinissime a Naxos, infatti tutte e quattro formano un rettangolo “magico”!

Skopelos

Isola che racchiude meraviglia in ogni angolo, così bella da essere stata utilizzata come set del film Mamma Mia! in cui viene dato ampio spazio alle sue bellezze. Arrivati a Skopelos vi sembrerà di essere in un quadro: intorno a voi vedrete candide casette, uliveti e vigneti, spiagge bianchissime e mare cristallino. E una vegetazione rigogliosa che abbraccia tutto ciò.

Skopelos
Skopelos – viaggi.nanopress.it

A Skopelos la natura regna sovrana, molte zone sono ancora incontaminate, quasi selvagge. Per questo viene chiamata anche l’ “Isola Verde” della Grecia e fa parte del Parco Nazionale Marino di Alonissos e delle Sporadi Settentrionali.

Tra le spiagge più belle ci sono sicuramente quelle di Castani, Panormos e Limnonari: queste sono facili da raggiungere, a piedi o in macchina. Altre, bellissime anch’esse, sono raggiungibili però solo via mare. Una curiosità sull’isola: secondo una leggenda Skopelos sarebbe stata plasmata da Staphylus, figlio del dio Dioniso.

Kalymnos

L’isola di Kalymnos è, tra le Cicladi, forse l’isola che si distingue di più dalle altre. La sua immagine si discosta dall’idea tradizionale di isola greca: infatti questa è un’isola montana, con grandi ammassi rocciosi a strapiombo sul mare, il che la rende meta ambita dai climbers ed escursionisti.

Isola greca
Isola greca – viaggi.nanopress.it

Ogni anno, gli appassionati di climbing s’incontrano proprio qui per il Climbing Festival, un evento di tre giorni in cui chi partecipa ha la possibilità di provare il climbing; e, per i più esperti, c’è l”opportunità di arrampicarsi insieme a dei campioni internazionali.

Pur non essendo l’attrazione principale, le spiagge di Kalymnos sono meravigliose: le più frequentate e rinomate sono Myrties e Masouri, spiagge di sabbia miste a ciottoli, complete di tutti i servizi, pulite e facili da raggiungere in auto o a piedi.

Limnos

C’è chi dice che qui, a Limnos, si possa vivere la “vera Grecia”. Di certo, non è l’isola adatta per chi cerca la movida notturna. Qui non troverete orde di turisti poiché è meno conosciuta; a frequentarla, invece, sono i locali che ne apprezzano tutte le qualità.

Kalymnos
Kalymnos – viaggi.nanopress.it

Ricca di spiagge, di zone naturalistiche dove ammirare fenicotteri e altri volatili marini, a Limnos potrete camminare tra le dune sabbiose e provare l’esperienza del deserto. Si tratta di una delle zone più particolari dell’isola, da visitare assolutamente se vi trovate qui e che ricorda la conformazione del Sahara.

Da non perdere a Limnos il suo capoluogo, una città accogliente dove le persone sono gentili e ospitali e dove non manca nulla. Una città che resta veramente nel cuore di chi la visita. E, se volete fare un salto indietro nel tempo, qui è presente il più antico villaggio preistorico dell’Egeo: Poliochni è una vera e propria città con strade, edifici e piazze, nata mille anni prima di Troia.

Gavdos

Siamo sulla punta più meridionale d’Europa dove, un triangolo in mezzo al mare, si estende per appena 30 chilometri quadrati: Gavdos. Qui troverete spiagge mozzafiato che, durante l’estate, attirano l’interesse di molti turisti che si recano qui anche solo per trascorrere una giornata di mare.

Limnos
Limnos – viaggi.nanopress.it

Tra le spiagge più belle troviamo Karave, Lakkoudi e Agiannis: spiagge dalla bellezze selvaggia, contornate dalla rigogliosa natura circostante.

A Gavdos, inoltre, potrete assaporare il sapore della storia con il racconto della sedia di Tripiti. Dopo i disastrosi fatti avvenuti a Chernobyl, un ristretto gruppo di russi approdò sull’isola di Gavdos, su consiglio dei medici che gli dissero di trasferirsi qui per vivere in un ambiente più salutare.

Una parte del gruppo decise poi di rimanere a vivere qui e di costruire la una grande sedia, posizionata in un punto strategico dell’isola: si trova infatti nell’estremità più a sud dell’isola, il punto ritenuto più lontano dallo smog quotidiano della vita moderna.

Gavdos
Gavdos – viaggi.nanopress.it

La sedia ha il compito di accogliere chiunque senta il bisogno di respirare e meditare e sembra simboleggiare la sensazione di ansia che contraddistingue l’uomo moderno, il quale sente il bisogno di evadere dalla vita quotidiana per riconnettersi con gli elementi della natura e con se stesso.