Luoghi misteriosi in Italia (Foto)

1 di 39
    continua
    https://viaggi.nanopress.it/fotogallery/luoghi-misteriosi-in-italia_6621.html
    Parco dei Mostri di Bomarzo
    Parco dei Mostri di Bomarzo. Ci sono molti luoghi misteriosi in Italia, ogni regione ne conta decine e decine: antichi manieri, case diroccate, boschi, abbazie, chiese, cripte, sotterranei. L'Italia è un paese molto antico, che ha visto passare sul suo territorio molti popoli diversi: vediamo insieme quali sono i luoghi più misteriosi da visitare.

    Il Parco dei Mostri di Bomarzo è un luogo molto affascinante anche se vagamente sinistro: risale al 1550, quando un principe decise ideò il progetto per rientrare in contatto col sacro bosco già abitato dagli Etruschi. Le sculture rappresentano un percorso simbolico e iniziatico, con enormi mostri e creature affascinanti in una sorta di itinerario iniziatico.

    Parco dei Mostri di Bomarzo

    Ci sono molti luoghi misteriosi in Italia, ogni regione ne conta decine e decine: antichi manieri, case diroccate, boschi, abbazie, chiese, cripte, sotterranei. L'Italia è un paese molto antico, che ha visto passare sul suo territorio molti popoli diversi: vediamo insieme quali sono i luoghi più misteriosi da visitare.

    Il Parco dei Mostri di Bomarzo è un luogo molto affascinante anche se vagamente sinistro: risale al 1550, quando un principe decise ideò il progetto per rientrare in contatto col sacro bosco già abitato dagli Etruschi. Le sculture rappresentano un percorso simbolico e iniziatico, con enormi mostri e creature affascinanti in una sorta di itinerario iniziatico.

    Ci sono molti luoghi misteriosi in Italia, ogni regione ne conta decine e decine: antichi manieri, case diroccate, boschi, abbazie, chiese, cripte, sotterranei. L'Italia è un paese molto antico, che ha visto passare sul suo territorio molti popoli diversi: vediamo insieme quali sono i luoghi più misteriosi da visitare.

    Il Parco dei Mostri di Bomarzo è un luogo molto affascinante anche se vagamente sinistro: risale al 1550, quando un principe decise ideò il progetto per rientrare in contatto col sacro bosco già abitato dagli Etruschi. Le sculture rappresentano un percorso simbolico e iniziatico, con enormi mostri e creature affascinanti in una sorta di itinerario iniziatico.

    Abbazia di San Galgano a Siena

    Abbazia di San Galgano a Siena

    L'Abbazia di San Galgano, in provincia di Siena è un luogo molto affascinante, mistico, in un contesto naturale che ne esalta la bellezza. Ma il luogo è famoso anche per un altro motivo, cioè la presenza di una spada nella roccia: pare che sia la spada di San Galgano in persona che, convertitosi il giorno di Natale del 1180, conficcò l'arma sulla sommità del colle per farla diventare una croce.

    L'Abbazia di San Galgano, in provincia di Siena è un luogo molto affascinante, mistico, in un contesto naturale che ne esalta la bellezza. Ma il luogo è famoso anche per un altro motivo, cioè la presenza di una spada nella roccia: pare che sia la spada di San Galgano in persona che, convertitosi il giorno di Natale del 1180, conficcò l'arma sulla sommità del colle per farla diventare una croce.

    Cappella San Severo a Napoli

    Cappella San Severo a Napoli

    Nel centro storico di napoli, vicino a piazza San Domenico maggiore, si trova la Cappella di San Severo, famosa, oltre che per l'arredo barocco, anche per la statua del Cristo velato. Ci sono varie leggende riguardanti l'origine della chiesa, che vanno da un tempio egizio pre-esisente all'apparizione di un dipinto raffigurante la Madonna della Pietà. Ma soprattutto la chiesa è stata un tempio massonico per tutto il 1700: infatti ancora oggi l'interno è pieno di simboli e riferimenti alla loggia massonica.

    Nel centro storico di napoli, vicino a piazza San Domenico maggiore, si trova la Cappella di San Severo, famosa, oltre che per l'arredo barocco, anche per la statua del Cristo velato. Ci sono varie leggende riguardanti l'origine della chiesa, che vanno da un tempio egizio pre-esisente all'apparizione di un dipinto raffigurante la Madonna della Pietà. Ma soprattutto la chiesa è stata un tempio massonico per tutto il 1700: infatti ancora oggi l'interno è pieno di simboli e riferimenti alla loggia massonica.

    Castel Del Monte a Bari

    Castel Del Monte a Bari

    La forma di castel Del Monte, in provincia di Bari, è da sempre oggetto di interesse: ottagonale, in pietra bianca, patrimonio Unesco, l'edificio risale al 1240 e la sua funzione originaria è tuttora un mistero. Non ha fossati e altri elementi tipici delle fortezze: in compenso, ha molti simboli misteriosi che farebbero pensare a un suo utilizzo come osservatorio astronomico.

    La forma di castel Del Monte, in provincia di Bari, è da sempre oggetto di interesse: ottagonale, in pietra bianca, patrimonio Unesco, l'edificio risale al 1240 e la sua funzione originaria è tuttora un mistero. Non ha fossati e altri elementi tipici delle fortezze: in compenso, ha molti simboli misteriosi che farebbero pensare a un suo utilizzo come osservatorio astronomico.

    Castello della Rotta a Moncalieri

    Castello della Rotta a Moncalieri

    Un castello antico, costruito nel IV secolo dai Longobardi e poi conquistato dai Cavalieri di Malta, appartenenti all'ordine dei Templari (qui vicino c'è infatti Gorra, una magione dei Templari): questo è il Castello della Rotta, il più infestato (pare) d'Italia. Perchè qui si svolsero moltissime battaglie e ancora si sente ogni tanto il suono degli zoccoli dei cavalli in battaglia: e c'è chi dice di aver visto aggirarsi un cavaliere in groppa al suo destriero.

    Un castello antico, costruito nel IV secolo dai Longobardi e poi conquistato dai Cavalieri di Malta, appartenenti all'ordine dei Templari (qui vicino c'è infatti Gorra, una magione dei Templari): questo è il Castello della Rotta, il più infestato (pare) d'Italia. Perchè qui si svolsero moltissime battaglie e ancora si sente ogni tanto il suono degli zoccoli dei cavalli in battaglia: e c'è chi dice di aver visto aggirarsi un cavaliere in groppa al suo destriero.

    Villa Scott a Torino

    Villa Scott a Torino

    Chi di voi ha visto 'Profondo Rosso' di Dario Argento probabilmente avrebbe qualche problema ad avvicinarsi a Villa Scott, location torinese dove venne girato il film. E' infatti questa la villa del bambino urlante, sede di alcune scene così terrificanti che dopo l'uscita del film molti degli abitanti del posto evitavano di avvicinarsi alla villa.

    Chi di voi ha visto 'Profondo Rosso' di Dario Argento probabilmente avrebbe qualche problema ad avvicinarsi a Villa Scott, location torinese dove venne girato il film. E' infatti questa la villa del bambino urlante, sede di alcune scene così terrificanti che dopo l'uscita del film molti degli abitanti del posto evitavano di avvicinarsi alla villa.

    Città perduta di Monterano

    Città perduta di Monterano

    Il castello di Monterano si trova nell'omonimo comune: è un luogo affascinante perchè si tratta di una città perduta (utilizzata come set per moltissimi film), abbandonata nel 1800 dopo essere stata distrutta dai Francesi. E' considerato un luogo misterioso a causa di una leggenda, secondo la quale gli abitanti del luogo fecero un patto col diavolo affinchè costruisse un ponte resistente, promettendo in cambio un sacrificio di animali. Costruito il ponte, però, gli abitanti festeggiarono con la carne degli animali promessi al diavolo che, adirato, provocò una pestilenza che uccise tutti gli abitanti (ancora oggi ci sono bassorilievi raffiguranti il diavolo).

    Il castello di Monterano si trova nell'omonimo comune: è un luogo affascinante perchè si tratta di una città perduta (utilizzata come set per moltissimi film), abbandonata nel 1800 dopo essere stata distrutta dai Francesi. E' considerato un luogo misterioso a causa di una leggenda, secondo la quale gli abitanti del luogo fecero un patto col diavolo affinchè costruisse un ponte resistente, promettendo in cambio un sacrificio di animali. Costruito il ponte, però, gli abitanti festeggiarono con la carne degli animali promessi al diavolo che, adirato, provocò una pestilenza che uccise tutti gli abitanti (ancora oggi ci sono bassorilievi raffiguranti il diavolo).

    Castello della Pietra di Vobbia

    Castello della Pietra di Vobbia

    'Grigio dragone quassù pietrificato, che ha ancora potenza di magia, ecco da Vobbia rapida e sonante...il castello della Pietra'. Basta guardarlo, il Castello della Pietra di Vobbia in Liguria, per sentire un brivido lungo la schiena: non ci sono fonti storiche che ne attestano la costruzione, probabilmente risale all'anno Mille. Ma l'impatto visivo è impressionante e molto suggestivo e si sente l'eco delle battaglie che qui si sono svolte numerose.

    'Grigio dragone quassù pietrificato, che ha ancora potenza di magia, ecco da Vobbia rapida e sonante...il castello della Pietra'. Basta guardarlo, il Castello della Pietra di Vobbia in Liguria, per sentire un brivido lungo la schiena: non ci sono fonti storiche che ne attestano la costruzione, probabilmente risale all'anno Mille. Ma l'impatto visivo è impressionante e molto suggestivo e si sente l'eco delle battaglie che qui si sono svolte numerose.

    Chiesa di San Giacomo in Trentino

    Chiesa di San Giacomo in Trentino

    San Giacomo è una frazione di Ortisei, in Trentino: il luogo è famoso per via di una piccola chiesa, raggiungibile solo a piedi, inserita in un contesto naturale mozzafiato. ma non è questo l'unico motivo: la campana della chiesa, infatti, è considerata magica. Secondo le leggende, sarebbe la campana dell'antico castello di San Giacomo, andato distrutto, che aveva il potere di scacciare le tempeste oltre che il diavolo in persona. Sarebbe stata ritrovata addirittura da un toro, che la dissotterrò con le corna dopo che la si credeva dispersa da anni.

    San Giacomo è una frazione di Ortisei, in Trentino: il luogo è famoso per via di una piccola chiesa, raggiungibile solo a piedi, inserita in un contesto naturale mozzafiato. ma non è questo l'unico motivo: la campana della chiesa, infatti, è considerata magica. Secondo le leggende, sarebbe la campana dell'antico castello di San Giacomo, andato distrutto, che aveva il potere di scacciare le tempeste oltre che il diavolo in persona. Sarebbe stata ritrovata addirittura da un toro, che la dissotterrò con le corna dopo che la si credeva dispersa da anni.

    Chiesa dei morti a Urbania

    Chiesa dei morti a Urbania

    Già il nome, Chiesa dei Morti, è piuttosto terrificante: siamo a Urbania, cittadina marchigiana, dove la ex Cappella Cola ospita una lunga serie di mummie. La spiegazione? Con l'editto napoleonico che vietava la sepoltura in chiesa (di foscoliana memoria), le cripte della chiesa vennero aperte per trasferire le ossa in una fossa comune. Ma...al posto delle ossa furono trovate mummie ben conservate. Oggi le mummie sono disposte in piedi, all'interno di teche: è un giro piuttosto impressionante, ma se avete stomaci forti...

    Già il nome, Chiesa dei Morti, è piuttosto terrificante: siamo a Urbania, cittadina marchigiana, dove la ex Cappella Cola ospita una lunga serie di mummie. La spiegazione? Con l'editto napoleonico che vietava la sepoltura in chiesa (di foscoliana memoria), le cripte della chiesa vennero aperte per trasferire le ossa in una fossa comune. Ma...al posto delle ossa furono trovate mummie ben conservate. Oggi le mummie sono disposte in piedi, all'interno di teche: è un giro piuttosto impressionante, ma se avete stomaci forti...

    Abbazia di Chiaravalle

    Abbazia di Chiaravalle

    L'Abbazia di Chiaravalle è di per sè un luogo molto affascinante, come molte altre abbazie italiane del resto: ispira pace, riflessione, raccoglimento. Ma questo luogo racchiude anche la tomba di una Papessa, la più grande eretica del Medioevo: figlia del re di Boemia, arrivò all'abbazia nel 1260 per lavorare. Iniziò a professare un nuovo approccio alla religione, che esulava dall'intermediazione clericale, diventando ben presto un punto di riferimento per molti credenti della zona. Incredibilmente, prima che la Santa (e temuta) Inquisizione arrivasse a mettere fine alla predicazione di una donna, Guglielma morì di morte naturale e venne seppellita nell'abbazia. Ma il suo culto continuò a lungo, tanto che il vaticano ne fece riesumare il cadavere e lo bruciò in Piazza Vetra a Milano insieme ad alcuni suoi seguaci.

    L'Abbazia di Chiaravalle è di per sè un luogo molto affascinante, come molte altre abbazie italiane del resto: ispira pace, riflessione, raccoglimento. Ma questo luogo racchiude anche la tomba di una Papessa, la più grande eretica del Medioevo: figlia del re di Boemia, arrivò all'abbazia nel 1260 per lavorare. Iniziò a professare un nuovo approccio alla religione, che esulava dall'intermediazione clericale, diventando ben presto un punto di riferimento per molti credenti della zona. Incredibilmente, prima che la Santa (e temuta) Inquisizione arrivasse a mettere fine alla predicazione di una donna, Guglielma morì di morte naturale e venne seppellita nell'abbazia. Ma il suo culto continuò a lungo, tanto che il vaticano ne fece riesumare il cadavere e lo bruciò in Piazza Vetra a Milano insieme ad alcuni suoi seguaci.

    Museo Galluras a Luras

    Museo Galluras a Luras

    Chi conosce la figura dell'Accabadora, così ben descritta nel romanzo di Michela Murgia? A Luras, in Sardegna, c'è un museo molto interessante per entrare meglio in contatto con questa figura misteriosa: si tratta del martello dell'ultima Femmina Accabadora, figura di cui si sa poco ma che nei villaggi era tenuta in alta considerazione perchè praticava una sorta di 'eutanasia' sui malati terminali.

    Chi conosce la figura dell'Accabadora, così ben descritta nel romanzo di Michela Murgia? A Luras, in Sardegna, c'è un museo molto interessante per entrare meglio in contatto con questa figura misteriosa: si tratta del martello dell'ultima Femmina Accabadora, figura di cui si sa poco ma che nei villaggi era tenuta in alta considerazione perchè praticava una sorta di 'eutanasia' sui malati terminali.

    Tempio di San Michele Arcangelo a Perugia

    Tempio di San Michele Arcangelo a Perugia

    In Italia non è raro trovare luoghi di culto cristiano costruiti su templi o chiese pagane preesistenti. A Perugia si trova il Tempio di San Michele Arcangelo, la cui pianta circolare rivela che in origine il luogo era pagano e non cattolico. Infatti al suo interno si trovano alcuni riferimenti inequivocabili, come la stella a cinque punte, disseminati qua e là in questa chiesa dall'aspetto così particolare.

    In Italia non è raro trovare luoghi di culto cristiano costruiti su templi o chiese pagane preesistenti. A Perugia si trova il Tempio di San Michele Arcangelo, la cui pianta circolare rivela che in origine il luogo era pagano e non cattolico. Infatti al suo interno si trovano alcuni riferimenti inequivocabili, come la stella a cinque punte, disseminati qua e là in questa chiesa dall'aspetto così particolare.

    A Perugia la Basilica di San Pietro

    A Perugia la Basilica di San Pietro

    Al suo interno c'è questo dipinto demoniaco

    Al suo interno c'è questo dipinto demoniaco

    Campanile Lago di Resia

    Campanile Lago di Resia

    In seguito alla costruzione di una diga la chiesa venne travolta dall'acqua. Ad oggi è però ancora visibile il campanile che esce fuori ed invento, quando gela, è possibile raggiungerlo a piedi

    In seguito alla costruzione di una diga la chiesa venne travolta dall'acqua. Ad oggi è però ancora visibile il campanile che esce fuori ed invento, quando gela, è possibile raggiungerlo a piedi

    Castel del Monte sito in Andria

    Castel del Monte sito in Andria

    Grotte della Zinzulusa in Puglia

    Grotte della Zinzulusa in Puglia

    Venezia

    Venezia

    Nel quartiere popolare di Bissuola il comune, qualche anno fa, ha deciso di concedere alcune mura del parco per chi amasse l'arte dei graffiti. Questo è il bellissimo risultato.

    Nel quartiere popolare di Bissuola il comune, qualche anno fa, ha deciso di concedere alcune mura del parco per chi amasse l'arte dei graffiti. Questo è il bellissimo risultato.

    Il balcone al rovescio a Firenze

    Il balcone al rovescio a Firenze

    Il coniglio di Colletto Fava

    Il coniglio di Colletto Fava

    Alcuni artisti hanno costruito questo gigantesco coniglio rosa a ridosso di qualche chilomentre dalle Alpi. E' nel libro dei record.

    Alcuni artisti hanno costruito questo gigantesco coniglio rosa a ridosso di qualche chilomentre dalle Alpi. E' nel libro dei record.

    Il faro di Punta Stilo

    Il faro di Punta Stilo

    Il Nuraghe Losa di Abbasanta

    Il Nuraghe Losa di Abbasanta

    Il portone di piazza Cavalieri di Malta

    Il portone di piazza Cavalieri di Malta

    A Roma, nella piazza Cavalieri di Malta, c'è un grande portone. Guardano all'interno del buoc della serratura si vede direttamente la Basilica di San Pietro

    A Roma, nella piazza Cavalieri di Malta, c'è un grande portone. Guardano all'interno del buoc della serratura si vede direttamente la Basilica di San Pietro

    Il pozzo di San Patrizio ad Orvieto

    Il pozzo di San Patrizio ad Orvieto

    Il tombino fumante di via Massareti a Bologna

    Il tombino fumante di via Massareti a Bologna

    Non solo New York. Anche Bologna ha il suo tombino fumante.

    Non solo New York. Anche Bologna ha il suo tombino fumante.

    Il toro della galleria Vittorio Emanuele a Milano

    Il toro della galleria Vittorio Emanuele a Milano

    Al centro della Galleria Vittorio Emanuele II, dedicata al re d’Italia, si trova uno stemma raffigurante un toro che rappresenta la città di Torino.L'usanza dice che porti fortuna porre il piede sopra gli attributi del toro e compiere una rotazione ad occhi chiusi facendo perno su quel piede.

    Al centro della Galleria Vittorio Emanuele II, dedicata al re d’Italia, si trova uno stemma raffigurante un toro che rappresenta la città di Torino.L'usanza dice che porti fortuna porre il piede sopra gli attributi del toro e compiere una rotazione ad occhi chiusi facendo perno su quel piede.

    Isola di Burano a Venezia

    Isola di Burano a Venezia

    La citta di Alba Fucens costruita in onore al sole

    La citta di Alba Fucens costruita in onore al sole

    La Madonna Nera di Città di Castello

    La Madonna Nera di Città di Castello

    La pietra della fertilita di Calimera

    La pietra della fertilita di Calimera

    La punizione degli Avari di Fornovo

    La punizione degli Avari di Fornovo

    Le persone carbonizzate di Pompei

    Le persone carbonizzate di Pompei

    Le pietre dei giganti di Montalbano Elicona

    Le pietre dei giganti di Montalbano Elicona

    Le sfingi di Sovizzo

    Le sfingi di Sovizzo

    Lo Scoglio a incudine di Roseto Capo Spulico

    Lo Scoglio a incudine di Roseto Capo Spulico

    Orrido di Bellano un monumento naturale

    Orrido di Bellano un monumento naturale

    Piazza dei Mercanti a Milano

    Piazza dei Mercanti a Milano

    In questa piazza del capoluogo lombardo c'è un interessante effetto di voci. Parlando in un angolo la propria voce può essere sentita nell'angolo opposto. Questo sembrerebbe fosse un trucco per i mercanti del mercato dell'epoca, per contrattare e truffare i clienti.

    In questa piazza del capoluogo lombardo c'è un interessante effetto di voci. Parlando in un angolo la propria voce può essere sentita nell'angolo opposto. Questo sembrerebbe fosse un trucco per i mercanti del mercato dell'epoca, per contrattare e truffare i clienti.

    Piramidi di terra di Renon

    Piramidi di terra di Renon

    San Galgano abbazia sede di una spada nella roccia

    San Galgano abbazia sede di una spada nella roccia