Week end a Stoccolma sulle tracce di Abba e ‘Mamma mia’

da , il

    Week end a Stoccolma sulle tracce di Abba e ‘Mamma mia’

    Se siete fan appassionati dei mitici Abba e conoscete a memoria la colonna sonora del musical di recente successo ‘Mamma mia’, allora dovete proprio concedervi un week end nella loro città natale, ovvero la capitale svedese: andare a zonzo tra i locali di Stoccolma e i ristoranti di questa città sulle note di ‘Dancing Queen! è un’esperienza unica!

    L’autunno sarà molto caldo anche nella fredda capitale svedese grazie al rinomato ristorante Wallmans: aperto nel 1956, è stato il primo locale di Stoccolma ad introdurre camerieri e cameriere che, in perfetto stile newyorchese, si esibiscono cantando e ballando mentre servono ai tavoli e prendono le ordinazioni. Un successo che ha portato ad avere, al giorno d’oggi, ben 1200 persone impiegate tra cene e spettacoli: eh sì, perché la specialità del Wallmans è proprio quella di organizzare veri e propri dinnershow dedicati alla musica degli anni Settanta e Ottanta. In autunno, lo spettacolo serale sarà dedicato a Bjorn Ulvaeos e Benny Andersson, ovvero la parte maschile del quartetto degli Abba: il Wallmans infatti presenta ‘Thank you for the music’, con canzoni tratte da ‘Mamma Mia’ e ‘Chess’, oltre alle hit più famose del gruppo musicale, interpretate con un tocco originale e tipico del locale dai camerieri artisti. Il vostro week end a Stoccolma potrebbe continuare al museo degli Abba, anche se al momento non si sa ancora quando aprirà: l’inaugurazione, infatti, era prevista per l’anno scorso, ma poi è stata rimandata a data da destinarsi e le ultime voci parlano di una possibile apertura entro fine 2010. Di certo, anche non c’entra molto con la band di ‘Mamma mia’, potete concedervi un giro sul recentissimo SkyView, ovvero l’ascensore più panoramico del mondo. E per rendere il vostro week end ancora più entusiasmante, abbandonate l’idea di dormire in un classico albergo a favore di qualcosa di più insolito: dormire in barca a Stoccolma, approfittando delle quattordici isole sui cui sorge la città.