Siti Unesco negli Stati Uniti d’America: i beni dell’Umanità d’Oltreoceano

Sapete quanti e quali sono i Siti Unesco negli Stati Uniti d'America? Dal Gran Canyon al Parco di Yellowstone, passando per la Statua della Libertà, scopriteli tutti.

da , il

    Sapete quanti sono i siti Unesco negli Stati Uniti? Nella sua immensa superficie ve ne sono soltanto 23, poco più della metà rispetto a quelli custoditi nel Bel Paese: in Italia infatti, sono ben 51 i siti dichiarati Patrimonio dell’Unesco. Negli Usa i siti dichiarati patrimonio dell’Umanità sono prevalentemente parchi naturali, immense distese di verde, in cui si può apprezzare un’incredibile biodiversità. Dal Gran Canyon al Parco di Yellowstone, passando per la Statua della Libertà, ecco tutti i siti Unesco degli USA. Ultimamente si è parlato molto dei siti Unesco degli Stati Uniti d’America dopo la decisione statunitense di abbandonare l’organizzazione internazionale. Decisione presa da Washington dopo l’ingresso della Palestina in Unesco e le accuse di atteggiamenti anti israeliani. Ma mettiamo la politica da parte e andiamo alla scoperta di quelli che sono, o meglio che erano, i siti Unesco degli Stati Uniti d’America.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Yellowstone

    Il Parco nazionale di Yellowstone è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dal’Unesco, nel 1978. E’ un’immensa e spettacolare foresta naturale che riveste un’area di quasi 9000 chilometri quadrati. Il 96% del parco si trova entro i confini dello stato del Wyoming, il 3% in Montana e l’1% in Idaho. Yellowstone custodisce la metà dei processi geotermali attualmente conosciuti sul pianeta, oltre a una ricca fauna selvaggia, composta da lupi, orsi grizzly, bisonti e wapiti.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Mesa Verde

    Anche il Parco nazionale di Mesa Verde è diventato Patrimonio Unesco nel 1978. Nel tessuto territoriale Mesa Verde, nel Colorado sud-occidentale, sono custodite dimore degli indiani Pueblo, costruite tra il VI e il XII secolo. Il parco vanta quasi 4400 siti archeologici.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale del Grand Canyon

    Il Parco Nazionale del Grand Canyon è entrato nell’elenco dei siti Patrimonio dell’Unesco nel 1979. Il Grand Canyon, frutto dell’erosione instancabile del fiume Colorado, è profondo fino a 1500 metri ed è una delle gole più spettacolari del Pianeta. Qui si trovano tracce preistoriche di vita umana.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale delle Everglades

    Il Parco nazionale delle Everglades è entrato a far parte dei Siti Patrimonio dell’Unesco, nel 1979. Custodito nel sud della Florida è stato chiamato ‘fiume di erba che scorre impercettibile dall’entroterra al mare’. Vanta un’incredibile ricchezza di specie acquatiche, infatti, è una sorta di paradiso per molti uccelli e rettili. Qui si trovano diverse specie protette, tra cui il lamantino.

    Patrimonio Unesco USA: Independence Hall

    L’Independence Hall è diventata Patrimonio dell’Unesco, nel 1979. Questo edificio di Phladelphia ha fatto da scenario ad alcuni dei più importanti fatti storici degli Stati Uniti, come la dichiarazione di indipendenza del 1776 e la costituzione degli Stati Uniti d’America del 1787, che furono firmate proprio qui.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Redwood

    Il Parco nazionale di Redwood è diventato Patrimonio dell’Unesco, nel 1980. Situato a nord di San Francisco è rivestito da spettacolari foreste di sequoie, dove è possibile ammirare esemplari tra i più alti e imponenti del mondo. Nella parte marittima è possibile ammirare colonie di leoni marini e aquile di mare testabianca, nonché il pellicano bruno della California.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Mammoth Cave

    Il Parco nazionale di Mammoth Cave è stato inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, nel 1981. Qui sono custodite moltissime grotte naturali e cunicoli ipogei: il parco vanta ben 560 km di passaggi sotterranei, nei quali ospita diverse specie di flora e fauna protette.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Olympic

    Il Parco nazionale di Olympic è diventato parte del Patrimonio dell’Umanità Unesco, nel 1981. Situato nel nord-ovest dello stato di Washington, è conosciuto per l’eccezionale varietà dei suoi ecosistemi: qui si trovano montagne innevate, antiche foreste, pascoli, nonché 100 km di costa incontaminata, ricchi di specie naturali e vegetali, tra cui emergono specie protette come l’allocco macchiato.

    Patrimonio Unesco USA: Cahokia, sito storico di Stato

    Cahokia è diventato Patrimonio Unesco, nel 1982. Situato a nord-est di Saint Louis in Missouri è il più grande insediamento pre-colombiano, a nord del Messico. Era popolato nel periodo cosiddetto Mississippiano, ovvero tra il 800 e il 1400.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale delle Great Smoky Mountains

    Il Parco nazionale delle Great Smoky Mountains è stato inserito tra i Patrimoni dell’Unesco, nel 1983. Su una superficie di 200.000 ettari custodisce circa 3500 specie di piante e diverse specie animali a rischio, che qui vivono al sicuro.

    Patrimonio Unesco USA: La Fortaleza ed il sito storico nazionale di San Juan

    (Immagine di Xemenendura, licenza CC senza modifiche

    La Fortaleza ed il sito storico nazionale di San Juan sono diventati Patrimonio Unesco, nel 1983. Tra il XV e XIX secolo furono costruite queste strutture a difesa dello strategico porto sul Mar dei Caraibi e dell’intera città di San Juan.

    Patrimonio Unesco USA: Statua della Libertà a New York

    La Statua della Libertà è diventata parte del Patrimonio Unesco, nel 1984. Realizzata in Francia dallo scultore Barholdi in collaborazione con Gustave Eiffell, venne poi donata agli americani, in occasione del centenario dell’indipendenza. Inaugurata nel 1886, svetta fiera all’ingresso del porto di New York.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale di Yosemite

    Il Parco nazionale di Yosemite è diventato parte del Patrimonio Unesco, nel 1984. Custodito nel cuore della California è ricco di cascate spettacolari, laghi, valli e molto altro ancora. E’ il paradiso per gli amanti della natura, ma anche per gli appassionati di fotografia. Dai 600 ai 4000 metri di altezza si incontrano un’enorme varietà di specie animali e vegetali.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale storico della cultura Chaco

    Il Parco nazionale storico della cultura Chaco è diventato parte del Patrimonio Unesco, nel 1987. Il canyon di Chaco è stato il centro nevralgico della cultura Pueblo tra l’850 e il 1250, e ancora oggi Chaco è un luogo di forte attrattiva perché custodisce preziosi resti archeologici e monumenti.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale Vulcani delle Hawaii

    Il Parco nazionale Vulcani delle Hawaii è stato inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, nel 1987. Qui si trovano due dei più attivi vulcani del mondo, il Mauna Loa e il Kilauea. Le ripetute eruzioni hanno creato un paesaggio davvero surreale e destinato a una costante evoluzione. Qui è possibile ammirare specie rare di uccelli.

    Patrimonio Unesco USA: Monticello e università della Virginia a Charlottesville

    Il Monticello e università della Virginia a Charlottesville è stato inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, nel 1987. Monticello è un’opera di Thomas Jefferson (1743–1826), autore della Dichiarazione di Indipendenza e terzo presidente degli Stati Uniti, che attualmente costituisce il cuore del campus dell’University of Virginia.

    Patrimonio Unesco USA: Pueblo di Taos (Nuovo Messico)

    Il Pueblo di Taos è diventato Patrimonio dell’Unesco, nel 1992. Si tratta di un insediamento dai tipici mattoni rossi realizzati per mano dei Pueblo, gli indiani che abitavano Arizona e Nuovo Messico.

    Patrimonio Unesco USA: Parco internazionale della pace Waterton-Glacier

    (Immagine di CGP Grey, licenza CC senza modifiche)

    Il Parco internazionale della pace Waterton-Glacier è stato inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, nel 1995. Frutto dell’unione dei parchi nazionali di Waterton Lakes (in Canada) e Glacier (in Montana, USA), offre paesaggi incontaminati, foreste alpine davvero mozzafiato.

    Patrimonio Unesco USA: Parco nazionale delle Carlsbad Caverns

    Il Parco nazionale delle Carlsbad Caverns è diventato parte del Patrimonio Unesco, nel 1995. Custodito nel Nuovo Messico, vanta oltre 80 caverne naturali, di dimensioni e bellezza uniche.

    Patrimonio Unesco USA: Isole Papahanaumokuakea delle Hawaii

    Le Isole Papahanaumokuakea delle Hawaii sono state inserite nel Patrimonio Unesco, nel 2010. Sono un’insieme di piccole isole e atolli, immersi nell’oceano a circa 250 km a Nord-Ovest dell’arcipelago hawaiano. Le isole hanno un grande valore simbolico e cosmologico per i nativi delle Hawaii. Qui il paesaggio è incredibilmente meraviglioso, dentro e fuori dal mare.

    Patrimonio Unesco USA: parchi nazionali di Kluane, Wrangell-St. Elias, Glacier Bay e Tatshenshini-Alsek

    (Immagine di David Baron, licenza CC senza modifiche

    I parchi nazionali di Kluane, Wrangell-St. Elias, Glacier Bay e Tatshenshini-Alsek sono diventati Patrimonio Unesco, nel 1979. Incastonati in prossimità dell’Alaska, vantano un complesso di ghiacciai immenso e spettacolare. Qui vivono molte specie protette tra cui orsi grizzly, caribou e bighorn bianco.

    Patrimonio Unesco USA: Opere di terreno monumentali di Poverty Point

    (Immagine di Kienmla, licenza CC senza modifiche

    Le Opere di terreno monumentali di Poverty Point sono state inserite tra i Patrimoni Unesco, nel 2014. L’intero complesso, costituito da cinque collinette, sei crinali concentrici, separati da una gola poco profonda, fu creato e utilizzato come residenza da una civiltà di pescatori della zona tra il 3700 e il 3100 a.C.

    Patrimonio Unesco USA: Missioni francescane di San Antonio

    Infine, chiude la lista dei Patrimoni Unesco degli Stati Uniti d’America, il sito archeologico Missioni Francescane di San Antonio (inserito nel 2015). Il sito si compone di cinque complessi di missione di frontiera situati lungo il fiume San Antonio nel sud del Texas, e di un ranch. L’area comprende strutture architettoniche e archeologiche, terreni agricoli, residenze, chiese e granai, e anche un sistema di distribuzione dell’acqua.