Rimborso treno referendum 2011

da , il

    Rimborso treno referendum 2011

    Buone notizie per chi vuole andare a votare ma abita lontano dal comune di residenza: sarà possibile ottenere il rimborso del treno per i referendum del 2011. in un periodo così denso di appuntamenti ai seggi, tra amministrative, comunali, provinciali e ballottaggi, spostarsi in continuazione tra domicilio e residenza per esercitare il proprio diritto al voto potrebbe far aumentare notevolmente le spese.

    L’Italia, si sa, è lunga e per spostarsi da una regione all’altra il mezzo più comodo, nonchè il più ecologico, è il treno: grazie a una nuova convenzione, applicabile già da ora, si potrà ottenere il rimborso del viaggio per i referendum 2011. Parliamo ovviamente di una riduzione e non di una copertura totale del biglietto, ma gli sconti per chi si sposta per questioni elettorali vanno dal 60% al 70%, un bell’aiuto per chi ha un budget ridotto.

    In pratica, aumentano le riduzioni su tutti i treni a media e lunga percorrenza, inclusa l’Alta Velocità: è una convenzione che entra in vigore proprio oggi ed è stata intrapresa con il Ministero dell’Interno. Gli elettori potranno così ottenere una riduzione del 60% sul prezzo del biglietto – che deve essere per forza andata e ritorno in seconda classe – per i treni regionali, mentre raggiunge il 70% di sconto sul prezzo base previsto per tutti i treni del servizio nazionale. Ovvero:

    • Alta Velocità;
    • Eurostar;
    • Eurostar City;
    • Intercity;
    • IC Notte;
    • Espressi;
    • servizio cuccette.

    I biglietti sono acquistabili nelle biglietterie di Trenitalia o nelle agenzie di viaggio autorizzate: l’andata deve necessariamente essere prima del 13 giugno, mentre il viaggio di ritorno non può essere prima del 12 giugno. Portate con voi un documento d’identità e la tessera elettorale per dimostrare che il comune nelle cui liste elettorali siete iscritti non è quello in cui vi trovate.

    Ricordiamo inoltre che si può votare fuori sede il 12 e 13 giugno.