Le tradizioni più strane del mondo: i riti per celebrare le nascite, i matrimoni e le festività

Le tradizioni più strane del mondo: i riti per celebrare le nascite, i matrimoni e le festività
da in Curiosità dal mondo, Folklore e tradizioni
Ultimo aggiornamento:
    Le tradizioni più strane del mondo: i riti per celebrare le nascite, i matrimoni e le festività

    Le tradizioni più strane del mondo di solito sono legate ad eventi religiosi o a riti di passaggio molto importanti per la vita delle persone, come il matrimonio, la nascita dei figli o il funerale, e anche se a volte possono stupirci, dobbiamo sempre ricordare che nel mondo ci sono così tante culture e mentalità diverse, che quello che può sembrare assolutamente normale a noi può risultare strano a un asiatico o a un africano, e viceversa. Per esempio, una tradizione molto insolita legata alla nascita è quella vietnamita di rivolgersi al bambino con aggettivi dispregiativi come “brutto” o “rospo” perchè è credenza che gli spiriti maligni perseguitino i bambini più belli. Oppure in Spagna, nel paesino di Castrillo de Murcia, da quattro secoli si tiene una volta all’anno il “salto del neonato” : dei neonati vengono adagiati su dei materassi che vengono saltati da alcuni uomini travestiti da diavoli, per ricordare i pericoli corsi dai figli maschi all’epoca del re Erode.

    In alcune tribù, l’uso della placenta e del cordone ombelicale è molto singolare: i Maori delle Isole Cook, in Nuova Zelanda, seppelliscono la placenta nel terreno piantandoci sopra un albero di cocco, e se questo cresce vigoroso, anche il bambino diventerà sano e forte; i Navajo del sud-ovest degli Stati Uniti seppelliscono il cordone ombelicale nel terreno davanti all’abitazione in cui il bambino è nato, come certezza del fatto che tornerà sempre a casa, e anche la comunità dei Kamba, in Kenya, seppellisce cordone ombelicale e placenta come ringraziamento alla Madre Terra.

    Il Natale si avvicina ormai, e le tradizioni che accompagnano questa festa sono le più diverse in tutto il mondo: in Belgio e in Olanda la figura di Zwarte Piet è l’equivalente africano di Babbo Natale e oltre a regalare doni ai bambini buoni punisce quelli birichini in un modo singolare, mandandoli in Spagna! Questo sembra essere l’equivalente del mandarli all’inferno, per gli olandesi! In Ucraina invece, il Natale sembra ricordare quasi la festa di Halloween, perchè i tradizionali alberi vengono addobbati tra l’altro con ragnatele di carta, plastica o metallo; questa usanza ha le sue radici nel passato di miseria in cui i poveri, che non si potevano permettere gli addobbi, decoravano così gli alberi di Natale. Anche in Austria e in Ungheria questa festività ha una connotazione terrificante a causa di Krampus, il demone con tanto di corna e catene che durante la Krampusnacht ha il compito di castigare i bambini più cattivi mandandoli all’inferno.

    Anche per celebrare l’arrivo del nuovo anno esistono le usanze più disparate in tutto il mondo: in Germania si festeggia il Capodanno travestiti e agghindati come per la festa di Carnevale, e si beve il Feuerzangenbowle, a base di vino rosso, cannella, rum, chiodi di garofano e buccia d’arancia.

    In Giappone la popolazione si prepara a celebrare Toshigami, la divinità dell’anno nuovo, facendo le pulizie domestiche, e allo scoccare della mezzanotte le campane dei templi buddhisti rintoccano per 108 volte, tante quanti gli elefanti di Bonō, per confessare tutti i peccati degli uomini. In Brasile ci si veste tutti di bianco, pronti a cavalcare le prime sette onde dell’anno e a rendere omaggio a Yemanjà, la divinità che protegge i mari e i bambini, mentre in Russia in Capodanno si festeggia ben due volte, il 31 dicembre secondo il calendario Gragoriano e il 13 gennaio secondo quello Giuliano; il 31 dicembre, al dodicesimo rintocco della mezzanotte, è usanza aprire la porta di casa per far entrare l’anno nuovo.

    Il matrimonio è un rito molto importante che ispira riti e tradizioni propiziatorie di ogni genere: in Romania, per esempio, è usanza il rapimento della sposa la notte prima delle nozze da parte della famiglia d’origine, che chiede al marito di pagare un riscatto per poterla riavere; il Polterabend è un’altra tradizione di buon auspicio, questa volta tedesca, per cui gli sposi, la notte prima delle nozze, devono ripulire tutto il pianerottolo di casa riempito di cocci e ceramiche da amici e parenti in tempo record, entro la mezzanotte, per completare il rito. Un’usanza coreana vuole che, per rendere lo sposo più forte la prima notte di nozze, gli amici dello sposo dopo la cerimonia si tolgano i calzini e pestino con le piante dei piedi dei corvina gialli essiccati, che sono un tipo di pesce.

    Anche la Pasqua viene celebrata con riti di ogni genere in tutto il mondo: in Repubblica Ceca, il giorno di Pasquetta, le ragazze dipingono le uova da regalare ai ragazzi, e questi in cambio le colpiscono sulle gambe con una frusta di ramoscelli di salice chiamata pomlázka; si dice che questo porti salute e giovinezza. In Svezia, per i bambini il Giovedì Santo è una sorta di festa di Halloween, perchè girano travestiti di casa in casa chiedendo dolcetti; nelle Filippine invece, in occasione delle Pasqua di inscenano processioni molto cruente di uomini che si frustano la schiena per pentirsi dei proprio peccati oltre che la crocifissione, che può essere davvero molto realistica.

    946

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità dal mondoFolklore e tradizioni
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI