Le prigioni più visitate al mondo: da Alcatraz all’Isola del Diavolo

Quali sono le prigioni più visitate al mondo? Nonostante si tratti di luoghi insoliti da scoprire, sono in molti oggi a considerarle mete appetibili. Ecco la nostra selezione.

da , il

    Quali sono le prigioni più visitate al mondo? Anche se sembra piuttosto macabro esiste realmente una fetta di turismo che si dedica alla visita di luoghi decisamente insoliti come appunto le carceri. Non possiamo certo sostenere che si tratti di posti idilliaci da scoprire, tuttavia alcune carceri sono state trasformate in musei oppure in hotel bizzarri dove dormire. Pronti a scoprire alcuni di quei luoghi dove un tempo detenuti e prigionieri politici hanno trascorso parte della loro vita, e oggi sono stati trasformati in attrazioni turistiche? Ecco una selezione delle prigioni più visitate del mondo.

    Alcatraz, la prigione di San Francisco

    Oggi è possibile visitare uno dei carceri più famosi al mondo, situato nella baia di San Francisco in California. Parliamo di Alcatraz, la prigione da dove nessuno è mai riuscito a scappare (anche se due detenuti sono stati persi in mare e mai ritrovati, quindi non si può considerare come una vera e propria evasione), è oggi visitabile con la guida di ex detenuti che raccontano la loro incredibile esperienza. Vi accompagneranno in un affascinante tour attraverso le loro ex ‘case cella’ e vi racconteranno le storie dei loro mirabolanti tentativi di fuga, le rivolte per la mancanza di cibo e l’isolamento.

    Robben Island, la prigione di Nelson Mandela

    La prigione di Robben Island è oggi un museo e patrimonio mondiale. Fu utilizzata come luogo d’esilio, d’isolamento e di prigionia dal XVII al XX secolo. Al suo interno, Nelson Mandela trascorse 27 anni della sua vita, per tutto quel tempo si è battuto con tutte le sue forze per mantenere in vita la lotta contro l’apartheid. Oggi è possibile visitarla con delle visite guidate e parlare con alcuni ex detenuti. Il tour include anche una gita in barca attraverso Table Bay.

    La Paz, la prigione boliviana pagata dai detenuti

    Nella prigione San Pedro La Paz, in Bolivia, le famiglie possono vivere vicino ai detenuti che devono pagare tutto ciò di cui usufruiscono durante la detenzione, come la cella, il cibo e i vestiti.

    Hostel Celica, la prigione jugoslava trasformata in hotel

    L’ex prigione dell’ex Jugoslavia è stata trasformata in ostello e galleria d’arte. L’Hostel Celica dispone di 20 camere arredate come vere e proprie celle. Se volete dormire dietro le sbarre, dovrete prenotare con molto anticipo, l’ostello è piccolo e soprattutto è molto richiesto.

    Prigione Backpackers di Mount Gambier, oggi diventato hotel

    Nell’ex carcere australiano potrete dormire all’interno delle celle in un’atmosfera che ricorda realmente la prigione. Potrete evadere dal hotel prigione per una passeggiata lungo le rive del Lago Blu.

    Prigione Karosta, in Lettonia

    L’ex carcere del KGB in Lettonia, non si può definire nemmeno oggi un luogo comodo, tuttavia sembra destare notevole interesse nei turisti, che sovente decidono di soggiornarvi. Qui avrete la possibilità di vivere un’esperienza unica da vero e proprio detenuto. Farete l’esame medico tutti in fila, poi vi verrà scattata la foto segnaletica e vi verrà consegnato il passaporto da prigioniero. Non azzardatevi a fare i cattivi, sarete puniti con l’isolamento oppure con una corsa intorno al cortile.

    Seodaemun, il carcere museo

    Seodaemun fu costruito a Seoul durante l’occupazione giapponese della Corea. Le persone che persistevano a voler mantenere la loro cultura e a parlare la loro lingua venivano torturate e imprigionate in questo carcere. Oggi è un museo che ricorda le persone morte durante questo terribile periodo storico.

    La Torre di Londra, il carcere per prigionieri politici reali

    La Torre di Londra è molto famosa, in quanto fu utilizzata sia come fortezza sia come carcere destinato principalmente ai prigionieri politici reali. Oggi è possibile visitare le mostre dedicate ai detenuti.

    Isola del Diavolo, una prigione paradiso nella Guyana francese

    Situata in un luogo idilliaco nella Guyana francese, Devil’s Island è una prigione in paradiso. Nel periodo coloniale è stata una delle prigioni più infami. Il carcere è stato chiuso nel 1952, tuttavia si possono ancora visitare i resti delle cellule. Oggi l’Isola del Diavolo è tornata a essere il paradiso di un tempo.