Laghi più grandi d’Europa: cosa vedere dal Ladoga al Balaton

Quasi tutti i laghi più grandi d'Europa sono concentrati nel tessuto territoriale della Russia e della Finlandia. Scoprite i più spettacolari.

da , il

    Quasi tutti i laghi più grandi d’Europa sono concentrati nel tessuto territoriale della Russia e della Finlandia, infatti nella classifica dei trenta laghi più estesi del nostro continente compaiono timidamente soltanto un paio di laghi svizzeri e il famoso lago ungherese, Balaton. Sono tutti visitabili a bordo di traghetti o piccole navi crociere, tuttavia se siete amanti del contatto diretto con la natura, optate per qualche escursione panoramica in bicicletta oppure, ove possibile, in kayak. Scoprite tutto quello che c’è da vedere sulle sponde dei laghi più estesi d’Europa.

    LAGO LADOGA

    Il lago di Ladoga è il primo in classifica, il più grande d’Europa. Si trova in Carelia, nel nord ovest della Russia europea, vicino ai confini con la Finlandia. Le sue dimensioni sono davvero immense, per darvi un’idea, la sua estensione è circa 50 volte più grande di quella del lago di Garda. La sua superficie è di 17’700 km², escluse le isole interne, che sono circa 660 e che si trovano per la maggior parte vicino alla costa nord occidentale. Le più note sono le isole Valaam e l’isola Kanavez. Le isole di Valaam sono rivestite interamente da foreste di conifere e sono incorniciate da spettacolari spiagge di granito, un paesaggio che nel suo insieme regala grande serenità a chi lo osserva. Da non perdere il monastero della Trasfigurazione, fondato nel X secolo. Questo luogo di culto ha avuto un’esistenza piuttosto travagliata ed è tornato nelle mani della chiesa ortodossa soltanto negli anni 90. La miglior guida per scoprire le isole Valaam? Quella dei monaci.

    E’ importante ricordare che il Ladoga, durante l’assedio di Leningrado, 1941–1944, ha rappresentato l’unico accesso alla città assediata. I rifornimenti venivano trasportati a Leningrado (ovvero l’attuale San Pietroburgo) con i camion sulle strade ghiacciate (soprannominate la ‘Strada della Vita’) in inverno e con barche in estate.

    LAGO DI ONEGA

    Il secondo lago più grande d’Europa si trova ancora una volta in Russia ed è il Lago Onega. Conquista la medaglia d’argento con una superficie di circa 9.610 km². E’ dotato di una fitta rete di canali, che lo mettono in comunicazione con diversi bacini sia marini che lacustri, tra cui il mar Bianco, mar Nero, mar Baltico e il lago Ladoga. Con una breve crociera è possibile raggiungere Kizhi, l’isola più famosa del lago Onega, nonché una perla di rara bellezza. E’ una sorta di villaggio surreale, fatto di chiese lignee, cappelle e piccole abitazioni. Entrata a far parte a pieno diritto dei patrimoni dell’umanità, è anche una delle destinazioni turistiche più famose della Russia. La Chiesa della Trasfigurazione spicca, tra le altre costruzioni, per la genialità architettonica con cui è stata costruita, nondimeno per la sua bellezza impressionante. Costruita totalmente in legno nel 1714, è composta da 22 cupole, che riflettono cromie oscillanti tra l’argento e l’oro, a seconda dell’intensità dei raggi di luce che riceve. Da non perdere è anche la vicina Chiesa dell’Intercessione, datata 1764. Da notare che entrambe le chiese, sono state costruite senza l’utilizzo di chiodi e gli incastri sono solo ed esclusivamente in legno!

    VANERN SVEZIA

    Vanern, con i suoi 5585 km2, è il lago più esteso della Svezia, nonché il terzo più grande d’Europa. E’ di origine glaciale, con una profondità massima di 93 metri; le sue sponde sono molto frastagliate, soprattutto a Sud. E’ possibile ammirare le sue imponenti dimensioni, attraversandolo in lungo e in largo, a bordo di un fumante battello a vapore alimentato ancora a legna. Sono molte le compagnie che offrono questo servizio. Non lasciatevi sfuggire un’esperienza così affascinante!

    GREATER SAIMAA

    Saimaa, situato nella parte sud-orientale della Finlandia, con una superficie di 4’400 km², è il lago più esteso del paese e il quarto più grande d’Europa. Avrete a vostra disposizione due modi per ammirare le meravigliose sponde del lago Saimaa: in bici o in kayak. In questa zona si trovano gl itinerari ciclistici più spettacolari di tutta la Finlandia. La strada che collega il centro di Lappeenranta al villaggio di Taipalsaari è considerato uno degli itinerari più celebri e consigliati della regione. Questo tratto di strada rientra infatti tra i dieci percorsi panoramici più belli del Paese. Non è particolarmente lungo, solo 30 chilometri tra andata e ritorno, tuttavia i paesaggi che offre sapranno soddisfare anche i ciclisti più atletici. A un chilometro da Toijansalmi si trova la Locanda delle Fragole, molto nota tra i ciclisti. Qui troverete ad accogliervi ottimo cibo, bevande e un servizio impeccabile. Se invece siete amanti del contatto diretto con l’acqua, optate per un’escursione in kayak. Curiosità: sulle sue meravigliose sponde vive la foca del Saimaa, una delle due sottospecie di foca dagli anelli che vive in acqua dolce.

    LAGO DEI CIUDI

    Il lago dei Ciudi, situato al confine fra l’Estonia e la Russia, è il quinto lago più esteso d’Europa. Tecnicamente è formato da due bacini, il lago di Ciudi propriamente detto, a nord, e il Lago di Pskov, a sud, uniti tra loro da uno stretto braccio lacustre. Le sue coste sono prevalentemente basse e sabbiose, tuttavia se avete intenzione di visitarlo, ricordate che il bacino rimane gelato per oltre 100 giorni all’anno.

    La classifica continua ancora per molto con diversi altri laghi russi e finlandesi. Noi, dopo avervi illustrato la top five, vogliamo raccontarvi del lago Balaton e del lago di Costanza, due degli outsider in graduatoria, il primo è infatti ungherese, il secondo si trova a cavallo tra Germania, Svizzera e Austria.

    LAGO BALATON

    Con una superficie di 590 km2 , il lago Balaton è il più grande dell’Europa Centrale. Situato in Ungheria, nel Bassopiano Pannonico, si trova a soli 100 km da Budapest. Considerato che in Ungheria non c’è il mare, è stato soprannominato il ‘Mare Ungherese’. Il paesaggio del Balaton è piuttosto vario: la zona settentrionale è montuosa, mentre quella meridionale è pianeggiante. Grazie ai molti divertimenti disponibili, durante il periodo estivo pullula di turisti: è possibile praticare sport acquatici, ma è anche possibile organizzare gite a piedi, in bici, a cavallo. Inoltre è interessante visitare le note formazioni geologiche presenti. Nel 1997, in considerazione della notevole pluralità di piante e animali rari esistenti e della presenza di interessanti formazioni geologiche, è stato istituito il Parco Nazionale del Balaton. Gli appassionati di storia e architettura, avranno l’imbarazzo della scelta sui castelli, le fortezze e i musei da visitare. Sul lago Balaton, pare sia proprio impossibile annoiarsi.

    LAGO DI COSTANZA

    Il lago di Costanza si trova a cavallo della Germania, della Svizzera e dell’Austria. Pare che il suo letto sia stato, in tempi remoti, il bacino terminale del ghiacciaio quaternario renano. Grazie a una pista ciclabile di circa trecento chilometri è possibile fare l’intero giro del lago in bicicletta, ammirando sullo sfondo le Alpi Svizzere e Austriache. Da non perdere la visita all’isola di Mainau, raggiungibile sia in battello che a piedi: è un immenso giardino fiorito, illuminato da mille colori. Visitate anche il castello e la chiesa, costruiti nel XVIII secolo, dai cavalieri Teutonici. Non di minore importanza è la visita all’isola di Reichenau, patrimonio universale dell’Unesco, un luogo dal fascino mistico, ricco di chiese, cappelle e monasteri, costruiti a partire dal Medioevo. Ancora oggi, sull’isola si svolgono tre importanti feste religiose: la festa di San Marco, il lunedì dopo la Santissima Trinità e l’Assunzione. Per una visita ottimale dell’isola, muovetevi, se vi possibile, in bicicletta.

    Scoprite i laghi più grandi d’Europa nella fotogallery