La casa degli Hobbit? E’ in una foresta in Galles

da , il

    Se siete degli amanti de Il Signore degli anelli, seguaci di Tolkien e appassionati del genere fantasy, non fatevi sfuggire una casa che ricorda perfettamente quella dell’hobbit Bilbo Baggins. Si trova in Galles, nel sud ovest dell’Inghilterra, ed è stata costruita nel pieno rispetto dell’ambiente circostante da Simone Dale per sè e la sua famiglia.

    Scavata nella collina all’interno di una foresta del Galles, questa casa da hobbit si regge su mura e fondamenta realizzate con materiali naturali quali pietre e fango, mentre il pavimento, le pareti e il tetto sono state isolate dall’esterno con la paglia. La struttura portante è in legno di quercia, proveniente nientemeno che dagli alberi circostanti: inoltre sul tetto c’è una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, che viene convogliata direttamente in un laghetto vicino alla casa. Essendo un’abitazione ecologica al 100%, non potevano certo mancare i pannelli solari per il riscaldamento e l’energia elettrica, mentre il frigorifero viene raffreddato dall’aria sotterranea proveniente dalle fondamenta. Simone Dale ci ha messo quattro mesi per costruirla insieme a suo padre, pur non essendo un muratore nè un carpentiere: la cosa curiosa è che la spesa totale di costruzione è stata di appena 3.000 sterline, come dire 3.600 euro, ovvero poco più di 70 euro per m2! Il motivo per cui è stata costruita? Simone Dale ha spiegato che l’ha fatto per vivere il più a contatto possibile con la natura, secondo la filosofia del basso impatto ambientale, utilizzando quasi esclusivamente una motosega, un martello e uno scalpello. La Gran Bretagna è stata spesso utilizzata come set per numerosi film: pur non essendo un hotel nel vero senso della parola nè tantomeno la location originale de Il Signore degli Anelli, la casa merita comunque una visita, magari approfittando delle occasioni dei voli low cost per l’Inghilterra: basta bussare e vi sarà aperto, chissà che magari non vi offrano anche un boccale di birra e un’erba-pipa!