Hotel di design a Berlino: dormire nel lusso della capitale tedesca

da , il

    Hotel di design a Berlino: dormire nel lusso della capitale tedesca

    Dopo la caduta del Muro, Berlino non solo è diventata la capitale della Germania riunificata, ma uno dei principali centri politici, culturali e scientifici d’Europa.

    Per il suo carattere cosmopolita e contemporaneo, Berlino offre moltissime sistemazioni per la notte, da ostelli economicissimi a più o meno cari hotel di design. Andiamo a scoprire dove dormire a Berlino.

    I design hotel sono uno dei tanti motivi per andare a Berlino. In realtà la città è particolarmente apprezzata dai giovani per tutte le possibilità che offre: creatività, arte e cultura al primo posto. Può capitare, ad esempio, di imbattersi nel Museo dei crimini nazisti o nel Festival delle sculture di sabbia.

    Dai primi anni ’90, il centro di Berlino è stato completamente rimodellato dai migliori architetti del mondo. Da allora il design e l’architettura sono all’ordine del giorno.

    Hotel Amano, look minimal svedese

    L’Hotel Amano è un albergo di nuova concezione, aperto nel 2009, dal look minimal, ma decisamente raffinato. Si trova in una zona molto centrale, vicino alla metro U8 Rosenthaler Platz, da dove è possibile raggiungere a piedi Alexanderplatz.

    La particolarità è la roof terrace con amache, da cui vedere Berlino dall’alto. Ottimo rapporto qualità/prezzo, soprattutto se riuscite a trovare una delle tante offerte proposte durante l’anno.

    The Weinmeister, tra lusso e punk

    The Weinmeister, aperto a luglio 2010, ha a disposizione 88 camere dallo stile minimalista e lussuoso: pensato soprattutto per viaggiatori facoltosi del mondo dell’arte, della musica e della moda.

    Grazie alla sua facciata color oro, si è già meritato l’appellativo di Golden Cage: una gabbia dorata dove tutto è curato nel minimo dettaglio e, per assurdo, si potrebbe anche fare a meno di uscire.

    Lux 11, un tocco di design italiano

    Il Lux 11 è stato progettato dal duo Silvestrin-Salmaso, italiani d’origine, ma londinesi d’adozione. I 72 appartamenti sono improntati a un gioco di contrasti: da una parte il tono verde cinese del cemento, dall’altra il forte calore del legno. Sicuramente non economico, ma in posizione centralissima.

    Soho House, il Bauhaus torna a rivivere

    Soho House, nel quartiere Mitte, è un hotel esclusivo con solo 40 camere. Si trova in un edificio Bauhaus, che i comunisti usarono come politburo.

    I prezzi partono da 100 euro e in molte stanze c’è una collezione di vinili con tanto di giradischi vintage.

    Michelberger Hotel, il giusto mix per i più giovani

    Il Michelberger Hotel si trova nel vivace quartiere di Friedrichshain. Lo stile minimal qui è mescolato con un po’ di vintage, che lo rende più adatto ai giovani, anche perché si possono trovare camere a partire da 60 euro.

    Ma il punto forte dell’hotel è il favoloso bar interno, con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

    Gatrooms, arriva anche a Berlino

    Dopo Lisbona, Parigi e Barcellona, la catena Gatrooms arriva anche a Berlino. L’Hotel Gat Point Charlie, appena aperto, dispone di 145 stanze e si trova nei pressi di Checkpoint Charlie, il punto più famoso per passare il Muro. A pochi minuti dalla Filarmonica, da Potsdamer Platz o Friedrichtrasse.

    Di prossima apertura anche a Tangeri.