NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dove non andare in vacanza: ecco la lista dei paesi più pericolosi del mondo

Dove non andare in vacanza: ecco la lista dei paesi più pericolosi del mondo
da in Classifiche, Viaggiare informati
Ultimo aggiornamento:
    Dove non andare in vacanza: ecco la lista dei paesi più pericolosi del mondo

    Dove non andare in vacanza: ecco una lista dei paesi più pericolosi del mondo, luoghi in cui sarebbe non avventurarsi o, se non altro, farlo con le dovute precauzioni. Dall’Africa al Medio Oriente ecco una breve lista dei paesi che sarebbe meglio evitare.

    Si parla principalmente di Africa e Medio Oriente. Il Dipartimento di Stato ha rilasciato 27 avvisi di viaggio dove sono elencati i paesi più pericolosi tra cui 12 sono per le nazioni africane e 7 per i paesi del Medio Oriente.
    Non c’è da sorprendersi nel trovare all’interno di questa lista l’Algeria, a causa degli attentati di poco tempo fa o lo Yemen a causa degli attacchi subiti all’Ambasciata Americana. Poi c’è il Sudan, con il sanguinoso conflitto del Darfur.Ma l’elenco è lungo e tutti i paesi sono riconducibili al fantasma di Al Qaeda.
    Viaggiare in questi paesi è davvero pericoloso: vi potreste trovare davanti a disordini politici, posti di blocco dei ribelli, criminalità nelle strade ed altri avvenimenti inquietanti!
    Quello che il Dipartimento di Stato vuole fare stilando questa lista è dare tutte le informazioni possibili alle persone che hanno deciso di pianificare il loro viaggio all’estero.
    Bisogna stare attenti a quello che vi offrono le agenzie di viaggio che molte volte pubblicizzano alcune destinazioni in modo esagerato senza avvertire il turista delle pericolosità a cui potrebbe andare incontro.
    Quindi attenzione: prima di organizzare il vostro viaggio informatevi bene!

    Pakistan

    Pakistan

    Pakistan

    Per decenni in Pakistan i turisti hanno ammirato i panorami del Karakoram e scalato le pareti rocciose dell’Hindu Kush ma anche visitato le meraviglie architettoniche della valle dell’Indo. Senza dubbio dei paradisi terrestri. Purtroppo però è fortemente raccomandato ai viaggiatori di non fare escursioni non essenziali e di addentrarsi in zone non conosciute a causa delle attività terroristiche. Per la presenza di Al Qaeda e dei talebani, il Pakistan è considerato un paese troppo pericoloso per gli stranieri.
    Nonostante questi avvertimenti il Pakistan Tourism Development Corporation a Islamabad, fornisce un elenco di Tour Operator. Incredibile!

    Sudan

    Sudan

    Sudan

    Indubbiamente la zona della confluenza fra il Nilo Azzurro ed il Nilo Bianco non può che far sognare. Senza dimenticare Khartoum e le maestose piramidi di Meroe.
    Sebbene sia un bellissimo paese, la guerra del Darfur ha causato fame e povertà e dopo l’incriminazione del Presidente del Sudan per crimini di guerra la popolazione è in rivolta. Negli ultimi anni gli stranieri che si sono avventurati in Sudan sono stati vittime di rapine, violenze ed assassini. Quindi pensateci prima di organizzare un viaggio in questa zona.

    Georgia

    Georgia

    Georgia

    La Georgia, paese fra la Turchia e la Russia, è stato descritto da alcuni visitatori come somigliante all’Italia con le sue Alpi ed il Mediterraneo. Ma dopo l’invasione dei Russi del 2008 moltissime bombe ed altre armi sono rimaste inesplose sulla terra. Il rischio è che esplodano! In più è fortemente sconsigliato un viaggio nella regione separatista dell’Ossezia del Sud dove ci sono ancora manifestazioni politiche potenzialmente violente.

    Libano

    Libano

    Libano

    Se si organizza un viaggio in Libano non si può non visitare gli antichi Templi di Baalbek o le aziende vinicole della valle della Bekaa, ma bisogna tenere in considerazione che questo paese occupa una sedia che scotta fra Israele e la Siria.
    I militanti di Hezbollah fanno frequenti posti di blocco e anche qui Al Qaeda è particolarmente presente. Nella parte sud del Libano si trovano ancora bombe ed ordigni inesplosi. Attenzione perché le Ambasciate non assicurano l’aiuto in caso si avesse bisogno di essere evacuati, quindi pensateci bene!

    Corea del Nord

    Corea del Nord

    Corea del Nord

    La Repubblica Popolare Democratica di Corea vi permetterà di visitare luoghi di una grande importanza storica come il Museo della Guerra, il cimitero ai martiri e tanti altri luoghi che ricordano il passato di questo paese.
    Non figura nella lista dei paesi più pericolosi ma un’attenzione particolare va data su alcuni punti importanti. In Corea si può entrare esclusivamente attraverso la Cina quindi c’è bisogno di due visti, non c’è molta criminalità ma questo non significa che si ha la possibilità di fare ciò che si vuole. I movimenti, le telefonate e le conversazioni degli stranieri vengono continuamente monitorati in particolare fanno attenzione alle attività religiose e politiche di ognuno. Insomma non ci si sente liberi come si dovrebbe in vacanza!

    Siria

    Siria

    Siria

    La Siria possiede una delle più importanti Moschee Islamiche, la Moschea di Omayyadi. Ma non solo, in questo magnifico paese si possono visitare i campi dei beduini nel deserto e le rovine romane nell’oasi di Palmira. Purtroppo però la Siria è stata, negli ultimi 30 anni, il massimo esponente del terrorismo. Negli ultimi decenni si sono viste solo autobombe, assassini, un attacco contro l’Ambasciata Americana e violente manifestazioni contro gli occidentali. Se siete degli avventurieri e volete comunque partire per la Siria, cercate di rimanere nella zona della capitale Damasco.

    Yemen

    Yemen

    Yemen

    La capitale dello Yemen, Sana’a è stata decretata patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco: case torri e minareti rendono questa città un luogo indescrivibilmente bello ed interessante!
    Ma anche in questo paese gli occidentali non sono ben accetti. Nel 2008 un pullman di turisti è stato attaccato da presunti terroristi di Al Qaeda e due viaggiatori del Belgio sono stati uccisi. Il livello di minaccia alla sicurezza in Yemen è davvero alto.

    Uzbekistan

    Uzbekistan

    Uzbekistan

    La bellezza dell’Uzbekistan, paese non troppo conosciuto dal turismo di massa, non hanno eguali. Basti pensare alla via della Seta a Khiva, a Bukhara , alla mitica Samarcanda, al deserto ed alle storiche moschee.
    In questo paese s’invitano i turisti alla massima cautela a causa di diversi disordini civili e attacchi terroristici ma dal 2005 non c’è stata più alcuna violenza.

    Iran

    Iran

    Iran

    Sono molte le regioni da visitare in Iran, dai musei di Teheran alle moschee ed ipalazzi storici di Esfahan, le antiche rovine di Persepoli considerate Patrimonio Mondiale dall’Unesco.
    Per contro i turisti dovrebbero fare davvero particolare attenzione e considerare seriamente i rischi che comportano un viaggio in Iran, un paese tanto bello quanto complicato.

    Algeria

    Algeria

    Algeria

    L’Algeria è una fonte di bellezze storiche e naturali come il Parco Nazionale di Tassili, il Sahara, le rovine romane di Djemila conservate benissimo, la città vecchia di Algeri e Annaba.
    Purtroppo fino a qualche tempo fa ci furono non pochi attentati con autobombe, ma anche attacchi agli occidentali. Quindi prima di organizzare un viaggio in Algeria informatevi su tutte le precauzioni da prendere. Attualmente le acque si sono notevolmente calmate, ma ci vuole comunque attenzione.

    Afghanistan

    Afghanistan

    Afghanistan

    Tombe storiche, case da tè, antiche città mercato ed il primo parco nazionale del paese, sono tutti luoghi che meritano una visita. Pensate che il Ministro del Turismo dell’Afghanistan (si ce n’è uno!) ha dichiarato che a breve saranno riaperti i vecchi castelli ed i siti archeologici del paese.
    Però gran parte del paese è ancora in guerra e gli stranieri sono obiettivi di rapimenti ed attacchi terroristici. Furti, rapine, criminalità violenta restano ancora il grosso problema. Meglio aspettare ancora un po’ prima di partire per un viaggio in Afghanistan.

    Eritrea

    Eritrea

    Eritrea

    L’Eritrea si trova sul Corno d’Africa, fra il Sudan e l’Etiopia. Ad Asmara, la capitale, si possono trovare edifici in stile Art Deco e addirittura una ferrovia panoramica che passa sulla costa della Rift Valley. I paesaggi sono da mozzare il fiato!
    L’Eritrea ha dichiarato l’indipendenza nel 1993 e da allora ci sono diversi gruppi che si distinguono per la criminalità ed il terrorismo. Resta comunque un bellissimo luogo da visitare anche se riuscire ad ottenere il visto non è cosa semplice.

    Zimbawe

    Zimbawe

    Zimbawe

    Tra le attrazioni principali dello Zimbawe potete trovare le Victoria Falls, oppure osservare la fauna selvatica nello Hwange National Park ed ancora le formazioni rocciose di Matobo National Park.
    Ma la sicurezza di questo paese non è assicurata e la criminalità è un problema serio. In più dall’aprile 2009 è ritornata la carenza di cibo, carburante e dei servizi basici.

    Birmania

    Birmania

    Birmania

    Immaginate di poter fare una crociera lungo il fiume Irrawaddy oppure un escursione in mongolfiera sopra gli antichi Bagan per poi passeggiare lungo le bancarelle della capitale della Birmania, Yangon. Che dire, sarebbe da fare i biglietti aerei all’istante! Ma la Birmania è governata da una giunta militare che è sempre sospettosa degli stranieri. Non è elencata fra i paesi più pericolosi ma sappiate di essere in qualche modo osservati.

    Iraq

    Iraq

    Iraq

    L’Iraq è un enorme museo con più di 10 000 siti archeologici e storici della massima importanza.
    Ma chi non lo sa? Purtroppo l’Iraq è stato ed è tutt’ora teatro di una guerra sanguinosa e di continui attentati. Le bombe vengono lanciate dai cavalcavia quasi a caso, le mine terrestri sono posizionate sulle strade ed i razzi lanciati verso gli alberghi. Non c’è da meravigliarsi se questo paese è considerato uno dei più pericolosi del mondo, assolutamente da non visitare al momento!

    2387

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ClassificheViaggiare informati
    PIÙ POPOLARI