Curiosità e tradizioni sul Piemonte, terra di vini, borghi e feste medievali

Curiosità e tradizioni sul Piemonte, terra di vini, borghi e feste medievali
da in Fiere e sagre, Folklore e tradizioni, Piemonte, Viaggi in Europa
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 11:26

    Orta San Giulio

    Il Piemonte è una regione ricca di curiosità e tradizioni. E’ una terra che trasuda storia da ogni angolo, celebre per le sue eccezionali produzioni vinicole e per la genuinità della sua cucina. Inoltre, custodisce numerosi borghi medievali, alcuni ancora protetti dalle cinta murarie originali, che sono stati inseriti tra i borghi più belli d’Italia. Pronti a scoprire questa regione in tutte le sue ricchezze?

    Piatti tipici del Piemonte
    Piatti tipici piemontesi

    Dalle montagne, alle valli, passando per le Langhe, il Roero e il Monferrato, la tradizione culinaria piemontese si compone principalmente di prodotti caseari, salumi ed eccellenze quali i vini e i tartufi. Tra i primi piatti, degni di nota sono gli agnolotti, figli dei ravioli liguri, hanno un ripieno che varia a seconda della zona, ma che parte comunque da una base di carni trite, uova e formaggio. La fonduta è uno dei fiori all’occhiello della cucina tradizionale piemontese: è una crema di fontina o toma, servita caldissima con fettine di tartufo. I Tajarin sono sottilissime tagliatelle all’uovo tirate a mano, tipiche delle Langhe. Non mancano poi i risotti, realizzati con diversi ingredienti, che costituiscono la base dell’alimentazione di questa regione ricca di risaie. Gode di grande fama anche la bagna cauda, una sorta di intingolo che viene servito a tavola in recipienti di terracotta, tenuti costantemente in caldo. I secondi piatti della tradizione sono il brasato al barolo e le lumache al Barbera…per chi ha il coraggio di mangiarle.

    Sagre e feste tradizionali in Piemonte
    Sagre ed eventi tradizionali in Piemonte

    Il Piemonte è una regione ricca di sagre e feste tradizionali, che si tramandano di generazione in generazione, ormai da tempo immemore. Molto famoso è il Carnevale di Ivrea, caratterizzato da una forte componente folcloristica, in cui molti sono gli elementi simbolici ed evocativi del passato. Il suo fiore all’occhiello è la Battaglia delle Arance, una vera e propria battaglia a colpi di agrumi. E’ considerato l’unico Carnevale che ha conservato uno stretto legame col Medioevo, epoca in cui è nato. Anche a Bagnasco, il Carnevale rievoca un fatto storico: la morte e risurrezione di un giullare che ebbe l’ardire di ribellarsi al capo dei Mori. Ad Asti, la terza domenica di maggio, i vari quartieri della città si scontrano in gare tipicamente medievali, come ‘il bacio della castellana’, ‘l’assalto alla torre’ o ‘la gara di cerbottana’. Sempre nei dintorni di Asti, a Monastero di Bormida, si tiene nel mese di marzo, la Festa del Polentonissimo: da ben 178 anni, in quest’occasione, nella piazza principale del paese, vengono preparati 10 quintali di polenta, migliaia di salsicce, salami e una frittata da 40 chili. Ovviamente la degustazione è accompagnata da ottimo vino, danze e carri allegorici. Da non perdere poi ci sono il Pallio di Cocconato, che si corre con gli asini, ogni anno, la quarta domenica di settembre, e il Pallio di Asti, il più antico d’Italia. Infine non lasciatevi sfuggire l’avvincente Corsa delle Botti a Nizza Monferrato, che da diverso tempo si svolge la terza domenica di maggio.

    I borghi più belli del Piemonte
    Borghi più belli del Piemonte

    Il Piemonte, entro i confini del suo meraviglioso tessuto territoriale, custodisce paesi e borghi di grande impatto visivo, alcuni dei quali sono stati anche inseriti nella lista dei borghi più belli d’Italia. Chianale, ad esempio, incastonato sulle Alpi a 1800 metri d’altezza, è un pittoresco paesino di montagna con le case dai tetti di legno e pietra. Qui non lasciatevi sfuggire l’occasione di assaggiare il formaggio locale d’alpeggio e i gustosissimi gnocchi di patate con burro fuso. Garessio è un borgo medievale in provincia di Cuneo, composto da un manipolo di case tutte addossate ai piedi del Colle San Bernardo. Mombaldone è l’ultimo borgo medievale piemontese che conserva ancora le cinta murarie: passeggiare nel suo intricato dedalo di vicoli e viuzze, tra gli edifici in pietra, vi catapulterà improvvisamente indietro nel tempo. Incantevole è il borgo di Orta San Giulio, situato sulla sponda orientale del Lago d’Orta, nel territorio della provincia di Novara. Il centro abitativo, che si sviluppa in riva al lago, di fronte all’Isola di San Giulio, è ricco di palazzi del ’600 e ’700, e giardini preziosi. Nella Valle del Po, si nasconde un piccolo agglomerato di casette, strade di ciottolato e cappelle: stiamo parlando di Ostana, in provincia di Cuneo. In provincia di Biella invece, addentratevi lungo le rue (le vie di ciottoli posti inclinati per far defluire l’acqua) di Ricetto di Candelo, un luogo dalla duplice funzionalità per gli abitanti di Candelo: magazzino dei beni primari in tempo di pace e rifugio durante la guerra. Andate poi a caccia di murales che ritraggono scene di vita quotidiana a Usseaux, in provincia di Torino. Nel cuore della Val D’Ossola, dirigetevi a Vogogna ed ammirate le case dai tetti in pietra, il Castello Visconteo e le rovine dell’antica rocca. Infine non perdetevi Macugnaga, un piccolo borgo (600 abitanti) che sorge ai piedi del Monte Rosa: qui potrete ammirare le Walser, tradizionali abitazioni realizzate con basamenti in pietra, interni in legno e balconi e tetti in pietra.

    Paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato
    Paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato

    L’area vitivinicola del Piemonte costituta dalla triade Langhe, Roero e Monferrato è stata insignita del titolo di Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, in qualità di paesaggio d’interesse culturale. A conferma di ciò, già Plinio il Vecchio, in epoca romana, menzionò nelle sue opere, il Piemonte come l’area migliore per coltivare le vigne. Questo angolo prezioso d’Italia è composto da immense vallate, intervallate qua e là, da piccoli borghi e incantevoli castelli medievali. Geograficamente comprende sei aree, che si estendono tra le province di Alessandria, Asti e Cuneo e altri ventinove Comuni, per un totale di 10.789 ettari. Il paesaggio vitivinicolo delle Langhe-Roero e Monferrato racchiude tra le pieghe delle sue vallate sconfinate un’eccezionale tradizione vinicola, che dall’antichità sino ai nostri giorni è stata tramandata, di generazione in generazione, evolvendosi ad ogni passaggio. Da tempo immemore costituisce per questa zona del Piemonte non solo un patrimonio culturale prezioso, ma anche il fulcro della vita economica e sociale. Inoltre, la costante ed instancabile opera di ricerca e miglioramento del ciclo produttivo del vino ha portato alla produzione di vini eccellenti e apprezzati in Italia e nel mondo. Quindi se vi trovate da queste parti, oltre a perdervi tra i vitigni sconfinati, non dimenticate di fermarvi in qualche trattoria ad assaporare le preziosità enologiche della zona. Non ve ne peniterete.

    1383

    PIÙ POPOLARI