NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Curiosità e tradizioni della Basilicata

Curiosità e tradizioni della Basilicata
da in Basilicata, Curiosità dal mondo, Viaggi in Europa
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 11:26

    Matera

    FOTO PAOLO MARGARI Se avete intenzione di visitare la Basilicata, scoprite tutte le curiosità e le tradizioni di questa terra antica, i suoi borghi incastonati tra le montagne, i Sassi di Matera, il Carnevale, senza dimenticare le prelibatezze della cucina tradizionale. La Lucania è rivestita quasi interamente da rocce, colline e montagne, tuttavia se guarderete bene in fondo, all’orizzonte, potrete scorgere anche il mare, con delle splendide baie incantate e tranquille.

    I piatti tipici della Basilicata
    Ciambotta

    La tradizione culinaria lucana attinge dal suo ricco e antico territorio, composto da montagne ricche di pascoli e boschi, e circondato da due mari. I Fusilli con la mollica sono il primo piatto simbolo di questa terra. Tra i secondi, troviamo il Cuturiddu di pecora, fatto con verdure e carne di pecora tagliata in pezzi grossi. Se avete stomaci forti, provate anche gli Gnummareddi, ossia involtini di interiora di animali. Poi c’è la tradizionale Salsiccia lucanica, conosciuta al Nord Italia come Luganega. Al posto della polenta, troverete una sua rivisitazione, la Frascatula. Da provare sono anche gli Zafaran, che in dialetto sono i peperoni di Senise; la Rafanata, una frittata preparata con il rafano, un particolare tipo di radice; e il Grano al sugo, che viene lessato dopo aver trascorso un’intera notte a mollo. Golosi sono i Panzerotti in versione dolce, farciti con passata di ceci, cioccolato, zucchero e cannella, quindi fritti e cosparsi di zucchero a velo oppure con il miele. Infine non dimenticatevi di assaggiare il famoso pane di Matera, che ha ottenuto il riconoscimento IGP come i peperoni di Senise.

    Città e borghi della Basilicata
    Castelmezzano

    FOTO CATAAEB Se intendete scoprire la Basilicata, per prima cosa visitate Potenza, che con i suoi 819 metri sul livello del mare, è il capoluogo di regione più alto d’Italia. Tuttavia, il cuore pulsante dell’identità lucana è Matera, celebre in tutto il mondo per i suoi Sassi: si tratta di un antichissimo complesso strutturale rupestre, in cui le abitazioni e persino le chiese sono incastonate letteralmente nella pietra. E’ un’area che fu abitata sin dai tempi del Neolitico ed è stata, a pieno titolo, inserita dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità. Attualmente sono la più grande attrazione di tutta la Basilicata: al suo interno si trovano case, alberghi, ristoranti, negozi e bed & breakfast, che sanno regalare viste panoramiche davvero uniche. Molto interessante da visitare è anche il Parco Storico Rurale e Ambientale della Grancia, dove si può assistere alla ricostruzioni storiche della vita e della leggenda del contadino-brigante, Carmine Crocco. E per gli appassionati di astronomia, c’è l’Osservatorio Astronomico di Castelgrande, sede del SINGAO, primo centro internazionale in Italia per gli esperimenti di astrofisica. Se invece siete sempre a caccia di borghi antichi e spettacolari, in provincia di Potenza, si trova Castelmezzano, un pittoresco paese costruito tra le montagne. Le case colorate sono tutte addossate le une alle altre e si abbarbicano testardamente sulle pareti rocciose. E’ un luogo meraviglioso da visitare, tuttavia tenete presente che in ogni angolo vi sono salite e ripide scalinate. Infine, tra le dolomiti lucane spunta un altro meraviglioso borgo, quello di Pietrapertosa, le cui abitazioni sono disposte ai piedi delle montagne a mo’ di anfiteatro. Sono tutti luoghi dotati di una bellezza dal sapore antico. Non dimenticate la macchina fotografica!

    Tradizioni e folklore della Basilicata
    Matera-Carro-della-Bruna

    L’ambientazione rurale dei Sassi di Matera è così suggestiva da aver ispirato molti registi, che hanno girato qui alcuni dei loro capolavori: il più famoso è la ‘La Passione di Cristo’ di Mel Gibson, ma ci sono anche ‘Il Vangelo secondo Matte’ di Pier Paolo Pasolini e ‘L’Uomo delle Stelle’ di Giuseppe Tornatore. Matera ospita inoltre, la storica Festa della Bruna, tra le più suggestive manifestazioni popolari di tutta Italia: istituita da Papa Urbano VI nel 1389, celebra la santa protettrice della città e il suo momento più saliente è il cosiddetto stracciamento del carro. Per trasportare la statua della Madonna, durante la processione del 2 luglio, viene costruito un carro di cartapesta che alla fine viene letteralmente fatto a pezzi dai cittadini; dopo averlo distrutto, tutti cercano di accaparrarsi uno o più pezzi del carro, poiché si dice portino fortuna. Un’altra tradizione della Basilicata riguarda i festeggiamenti di Sant’Antonio Abate, che avvengono nel periodo compreso tra l’Epifania e Carnevale. Il 17 gennaio di ogni anno, invece, si tiene il rituale che annuncia l’inizio del Carnevale: prevalentemente nelle zone rurali, è usanza far benedire gli animali essenziali per la sopravvivenza della famiglia. Ma a San Mauro Forte, il Carnevale viene accolto in modo diverso: il 16 gennaio una sfilata di suonatori di campanacci percorre le vie principali del paese.

    Le spiagge più belle della Basilicata
    cersuta

    La Basilicata è quasi interamente rivestita da montagne, rocce e colline, tuttavia vanta anche meravigliosi angoli marittimi. Se avete tempo per fare un salto in spiaggia, dirigetevi verso il Golfo di Policastro: tra le rocce a picco sul mare, si nascondono meravigliose calette, in cui la calma è garantita. Non sono molto facili da raggiungere, tuttavia, qui, la vostra privacy sarà assicurata! Le spiagge di Filocaio invece sono raggiungibili via mare: se dovete sceglierne una, optate per la quella di Funnicu Reggiu. Infine, sulla costa Jonica, visitate le spiagge di Metaponto: qui la sabbia è finissima e i fondali degradano dolcemente in profondità.

    Scopri le bellezze della Basilicata nella fotogallery

    1179

    PIÙ POPOLARI